Resta in contatto

News

Lazio, Diaconale: “Prepariamoci a una campagna stampa contro di noi”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Lazio, il responsabile della comunicazione Arturo Diaconale ha parlato in radio di quello che, secondo lui, attenderà la Lazio fino a fine stagione.

Arturo Diaconale è intervenuto oggi ai microfoni di Radio Incontro Olympia (fm 105.8). Il responsabile della comunicazione della S.S. Lazio ha parlato della partita di ieri, con tutto quello che al livello mediatico sta succedendo e succederà, secondo lui, fino a fine stagione.

“Essere stufi adesso delle critiche verso la Lazio è prematuro – ha detto – Dobbiamo prepararci a un paio di settimane di campagna stampa contro di noi. La Lazio non ha solo l’impegno di sabato contro il Milan, ma anche quello successivo di Coppa Italia. Mi sembra evidente che ci sia l’intenzione dei media nazionali di favorire la squadra milanese rispetto a quella che viene dalla Capitale. Fa parte di un gioco mediatico che conosciamo benissimo. Su quel rigore basterebbe applicare il regolamento per sapere che il braccio allargato dopo aver toccato un’altra parte del corpo non è automaticamente involontario. Quel rigore è quindi sacrosanto”.

Diaconale ha poi ribadito gli obiettivi primari della squadra e della società. Ha sottolineato che nessuno pensa di rinunciare a qualcosa per ottenere altro. Champions e Coppa Italia: la Lazio vuole prendersi tutto. “Dobbiamo essere consapevoli che nella corsa Champions e in Coppa Italia siamo arrivati ad un punto nel quale gli interessi sono importanti per quanto riguarda chi ci entra e chi no – ha dichiarato il dirigente biancoceleste – Noi saremo sempre leali, puliti e trasparenti. Noi vogliamo sia andare in Champions che vincere la Coppa Italia, perché rappresentano due traguardi importanti per la società. Nessuno rinuncia a nulla, sia chiaro. Dobbiamo però essere consapevoli che gli ostacoli che ci verranno messi davanti saranno tanti e verranno da più parti”.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Qual’è la novità è una vita che ci denigrano arbitri stampa social e la società è sempre muta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

È la storia della nostra squadra tranquilli anche se non ci si abitua mai purtroppo la stampa va solo in una direzione e non è la nostra

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siamo abituati !!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Tutto questo xtroppo grazie al gestore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non è una novità

Marcello
Marcello
1 anno fa

Allora cercate di sapere il motivo,così capiamo e ripariamo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Noi siamo sempre pronti. Ci siamo abituati. É la società che deve corazzarsi per la squadra e per i tifosi ma soprattutto per se stessa. Una sorta di formazione a testuggine ce l ha presente dr. Diaconale? Solo così si parano i colpi e ci si difende bene. Disuniti é sconfitta sicura

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si noi siamo pronti e abituati al massacro mediatico. Forse è compito della società o Diaconale evitare o arginare questo massacro?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Perché fino ad oggi l’abbiamo avuta dalla nostra parte?????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Excusatio non petita, accusatio manifesta.
Sembro Lotito…?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News