Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Spal-Lazio, Biava: “Era importante vincere, ma la Lazio è in piena lotta Champions”

Giuseppe Biava

L’ex giocatore ha parlato intervistato dai micorfoni di Lazio Style Radio

L’ex giocatore della Lazio Giuseppe Biava ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio della partita di ieri sera persa contro la Spal.

“C’è rammarico perché dopo la partita di San Siro ci si aspettava una Lazio più arrembante e cinica nei momenti clou della gara, non pensavo che si fermasse contro la SPAL. Peccato per il rigore nel finale perché anche un punto poteva andare bene dopo una prestazione così. Patric ha commesso un’ingenuità anche se Cionek era convinto di aver simulato, se avesse sentito il tocco dello spagnolo non avrebbe mai detto all’arbitro di non ammonirlo. Strano che il VAR abbia dato rigore. Comunque la SPAL si è difesa bene, ha chiuso tutte le linee di passaggio e a centrocampo era molto difficile dialogare. Inoltre Lazzari e Fares hanno fatto una grande partita. Per quello che si è visto il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto”.

“Aldilà di questo episodio, la difesa sta dimostrando ottima solidità. Acerbi è un leader, gioca tutte le partite e merita di andare in Nazionale, non capisco perché Mancini non lo convochi. Ma non solo in difesa, in tutta la fase di non possesso la squadra concede poco agli avversari e Strakosha è sempre poco operoso. Peccato perché ieri è mancata la fase offensiva, nessuno dei big ha ripetuto la prestazione di San Siro.”

Infine un commento sulla Champions League e le possibilità della Lazio di giocarla il prossimo anno: “Un punto non avrebbe cambiato niente, era importante vincere visto il pari del Milan, ma la Lazio ha anche una partita da recuperare ed è ancora in piena lotta. Speriamo che già da domenica contro il Sassuolo si possano rifare. Io non penserei ai diffidati e metterei i migliori, stando attenti a non prendere ammonizioni stupide come quella di Strakosha di ieri sera”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News