Resta in contatto

News

Inter-Lazio, Amadeus: “Icardi non serve. Tramortito dal 5 maggio”

Inter-Lazio, Amadeus

Il noto conduttore televisivo parla di Inter-Lazio, posticipo domenicale della prossima giornata di campionato.

In vista di Inter-Lazio, gara in programma domenica alle 20.30 a San Siro, su Lazio Style Radio è intervenuto il conduttore televisivo Amadeus, noto tifoso nerazzurro:

Il ricordo del passato:

Inter-Lazio non è una partita qualunque, purtroppo ricordo con dispiacere quel 5 maggio 2002, neppure mi veniva in mente dove avessi parcheggiato la macchina al termine della gara. Pensate quanto fossi tramortito dall’esito finale del match, menomale che non si affrontano a maggio dove succede sempre di tutto”

Corsa Champions:

“Per la corsa Champions vedremo cosa succederà nel match di domenica a San Siro, il pareggio a mio parere non serve a nessuno. I nerazzurri non hanno bisogno di Icardi attualmente, non lo si può inserire domenica in una gara importante come quella con i biancocelesti, nemmeno per rispetto di chi ha trainato la squadra in questo mese e mezzo, più avanti si vedrà. Il reinserimento dell’argentino è un’opzione, non un obbligo. Lautaro Martinez è un calciatore molto forte, non ha fatto rimpiangere il suo compagno”.

Su Immobile:

“Immobile è fortissimo, ha bisogno di essere il finalizzatore del gioco della squadra. La Lazio valorizza il centravanti in maniera assoluta, l’attaccante biancoceleste è all’interno di un meccanismo oliato e perfetto in cui si trova perfettamente. In Nazionale è diverso, quello che vuole Mancini non è uguale rispetto a ciò che chiede Inzaghi”.

Il ricordo di Frizzi, scomparso un anno fa…

“Con Fabrizio Frizzi era facile parlare di tutto, era il compagno “di armadietto” ideale, aveva sempre una battuta ed il sorriso pronto per te. Questo è il pensiero più bello e quello che amo ricordare di lui. Con Fabrizio mi sono sempre divertito molto, era una persona eccezionale”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News