Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio: bene i tiri da fuori, ora sfrutta meglio le punizioni

Lazio-Parma, Lulic e Luis Alberto

Sul quotidiano Repubblica di oggi, Giulio Cardone e Stefano Fiori analizzano i dati della Lazio sui tiri fa fuori. Un arma che i biancocelesti stanno imparando ad usare bene. Ora devono migliorare sulle punizioni.

Su Repubblica Giulio Cardone e Stefano Fiori analizzano i dati sulla Lazio relativi a tiri da fuori e ai calci di punizione. Il paragone è con i tiri da tre della pallacanestro, che, se introdotti nel calcio, farebbero la fortuna della squadra di Inzaghi, visti i recenti risultati.

La mira dalla distanza è potenzialmente un arma letale. Lo hanno dimostrato Cataldi nel derby, Immobile a Firenze e il il duo Luis Albert – Lulic domenica scorsa con il Parma. Infondo non è sempre possibile entrare in porta con tutto il pallone. Non sarebbe la Lazio, ma il Barcellona di Messi o l’Ajax di Cruyff.

I dati elaborati da Calcio Datato parlano di nove reti realizzate dalla distanza in questo campionato dagli aquilotti, con una percentuale realizzativa del 5,03%. La terza migliore della Serie A, dietro solamente a Torino (7,10%) e Napoli (5,65%), ma davanti ad Atalanta, Milan, Roma e Inter. Persino la Juventus, che in rosa ha un certo Cristiano Ronaldo, ha fatto peggio della Lazio in quanto a tiri da fuori.

A gennaio, riportano gli autori nell’articolo, Immobile aveva sottolineato: «In biancoceleste sto segnando meno da fuori area». La rete del Franchi simboleggia però questo nuovo trend che riguarda tutta la squadra. La Champions si giocherà rete su rete e in questo finale di stagione anche quello dei gol da lontano può diventare un fattore determinante.

Se con le bordate dalla distanza le cose stanno migliorando, lo stesso non si può dire per i calci di punizione. Cardone e Fiori riportano come, in questo campionato, la Lazio non abbia ancora trasformato nemmeno un calcio diretto. L’unico a riuscirci è stato Milinkovic, ma in Coppa Italia con il Novara. Inzaghi spera di sfatare questo tabù, magari già contro l’Inter nel prossimo impegno. Lo scorso anno, a realizzarne due – contro Sassuolo, votato dai tifosi come il secondo gol più bello della stagione, e Fiorentina – ci aveva pensato Luis Alberto. Il digiuno di quest’anno ricalca invece quello del 2016/17, con la casella delle punizioni rimasta a zero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Approfondimenti