Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Lazio Bowling, Borgognoni torna dai Mondiali Special Olympics con due argenti!

Lazio Bowling, Fabio Borgognoni con Martino Pota

Lazio Bowling, Fabio Borgognoni torna da Abu Dhabi con due medaglie – di Giorgio Bicocchi

Due medaglie d’argento colte nel bowling – la disciplina che ha scoperto pochi anni fa – ai Mondiali Special Olympics di Abu Dhabi. Dagli Emirati Arabi Fabio Borgognoni, 30 anni, affetto dalla sindrome di Down, tesserato per la Lazio Bowling del totem biancoceleste Martino Pota (i due sono ritratti insieme nella foto) sbarcherà con due medaglie al collo, vinte nel doppio e nel singolo.

Non del metallo più pregiato, ma comunque da porre in vetrina perché ottenute in un contesto internazionale. È un ulteriore duplice alloro, che impreziosisce il palmares della Lazio Generale. E che dà lustro a una Sezione che, da oltre dieci anni, si è dedicata all’inclusione sociale e sportiva di ragazzi e ragazze affette da disabilità.

Un anno fa, il Premio Bigiarelli

Una bella storia, quella di Fabio, insignito del Premio Bigiarelli, al Circolo Canottieri, la sera del 9 gennaio 2018. Perché la voglia di lottare, di essere considerato atleta come gli altri era la peculiarità di questo ragazzo, accompagnato ad Abu Dhabi, in questi giorni, dalla mamma e dalla sorella.

Ha scoperto il bowling relativamente tardi, Fabio. La prima volta fu un successo con tutti quei birilli che, uno dopo l’altro, cadevano facendo pure un bel fracasso. E da allora il bowling è diventato compagno della sua vita. Gli allenamenti a Ciampino o all’Acquacetosa: un paio di volte a settimane e si preparano nuovi successi.

Fabio ha fatto talmente progressi – davanti ai birilli – che è entrato a far parte della spedizione azzurra che è volata negli Emirati Arabi per i Mondiali Special Olympics. Uno sponsor (una ditta commerciale di Aprilia) ha sostenuto le sue spese di viaggio e di soggiorno, legandosi così a una bellissima storia di sport e di vita.

Il messaggio dei fondatori si realizza

Il riscatto in pista perché Fabio, al bowling, ormai vuole bene. Accanto a lui, nella spedizione nel Golfo Persico, Martino Pota, uno dei dirigenti biancocelesti da sempre vicini al sociale. Ex-marconista dell’Aeronautica Militare, in pensione da qualche anno, ha deciso di passare qualche mese dell’anno su un’isola greca, davanti a Salonicco. Poi, negli altri ritagli di tempo, si occupa dei nipoti e della crescita della Lazio Bowling, il cui testimone ha passato alla figlia Veronica.

Ma non c’è solo Fabio Borgognoni a colorare l’organico della squadra di bowling della Lazio. Ci sono anche altri ragazzi e ragazze con disabilità, che cercano nello sport un motivo per eccellere. Ecco perché quando uno come Fabio vince, sale sul podio, alza le braccia al cielo è come se il messaggio dei fondatori di Piazza della Libertà (“La Lazio sia strumento dello sport per tutti”), magicamente, si realizzasse.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Dalila Medoro

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Storie di Polisportiva