Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Lazio, l’augurio di Danilo Cataldi: “Qui a vita? Speriamo”

News

Lazio, l’augurio di Danilo Cataldi: “Qui a vita? Speriamo”

Lazio, le dichiarazioni del centrocampista biancoceleste

Nel pomeriggio di Lazio che si è respirato alla Concessionaria Fiori di via della Maglianella, Danilo Cataldi è stato abbracciato da tanti tifosi. Insieme a lui anche Valon Berisha, con il quale ha presenziato all’evento organizzato dalla Renault.

Il centrocampista romano si è poi soffermato con i cronisti presenti (tra cui il nostro inviato Valerio Berbeglia). È stata l’occasione per parlare del gol nel derby, del pareggio con la Fiorentina. Ma anche della sfida di domenica con il Parma e del futuro, in un momento in cui si parla molto del suo possibile rinnovo.

Le dichiarazioni di Danilo Cataldi

“Fa sempre tanto piacere incontrare tanti bambini, ma anche tanti adulti. È bello sentire il calore dei tifosi, anche di quelli più piccoli”.

Cosa rimane del derby

“Un ricordo stupendo, che porterò sempre con me. Ma il calcio è bello anche per questo, ogni settimana c’è una nuova partita, una nuova occasione da sfruttare. Il derby ora è passato, bisogna guardare avanti”.

Il gol contro la Roma

Lo rivedo ancora quando capita, è stato un momento di felicità. In quel momento mi sono sentito la persona più felice del mondo, spero di aver condiviso questo stato d’animo anche con i miei compagni. È stata un’azione corale perfetta.

Delusione con la Fiorentina

Dal punto di vista del gioco non possiamo rimproverarci molto. Nei primi 60 minuti abbiamo giocato molto bene, purtroppo non siamo riusciti a segnare più di un gol. È stata una delusione dal punto di vista del risultato, ma ora pensiamo al Parma. Davanti vanno forte, è il momento in cui bisogna andare avanti tutti insieme e vedere la classifica tra un po’ di tempo.

Come affrontare il Parma

Dobbiamo stare molto attenti alle loro caratteristiche di gioco, si difendono e ripartono molto bene con Gervinho e Inglese. Non dovremo dargli l’opportunità di attaccarci in quella maniera.

Alla Lazio a vita?

Perché no, speriamo!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News