Resta in contatto

News

Serie A, i risultati di oggi. Ok Inter, stop Napoli.

Serie A, Emilia Romagna dal 4 maggio ok agli allenamenti nei centri sportivi

Serie A, nel pomeriggio l’Atalanta espugna Marassi, il Toro inguaia il Frosinone e l’Inter supera la Spal. All’ora di pranzo vittoria del Bologna sul Cagliari. Alle 18:00 solo pari a Reggio Emilia.

Dopo gli anticipi di venerdì e sabato, altri quattro match si sono giocati oggi pomeriggio, in questa 27° giornata di Serie A.

Vittoria dell’Atalanta 2-1 in casa della Sampdoria. Partita delicata in chiave europa. Il 20° gol di Quagliarella non è stato sufficiente ai blucerchiati. Zapata e Gosens hanno regalato 3 punti alla Dea che sale a quota 44 e riaggancia momentaneamente il treno Champions.

Sempre nella corsa al terzo e quarto posto, risultato importantissimo dell’Inter che supera 2-0 la Spal. Di Politano e Gagliardini le marcature. Nel prossimo turno i nerazzurri saranno impegnati nel derby contro il Milan, ieri vittorioso a Verona. Le milanesi sono separate da un solo punto.

Nella zona bassa della classifica, il Toro mette nei guai il Frosinone. Una doppietta di Belotti rimonta il gol di Paganini e affievolisce le speranze salvezza per i gialloblu. Questa sconfitta casalinga lascia i ciociari a 17 punti, penultimi a cinque lunghezze dall’Empoli, domani impegnato contro la Roma all’Olimpico, e a quattro dal Bologna.

Proprio la squadra felsinea ha battuto all’ora di pranzo il Cagliari al Dall’Ara per 2 a 0. I gol di Pulgar e Soriano hanno rilanciato gli uomini di Mihaijlovic nella lotta per la permanenza in Serie A. I sardi restano a quota 27, a meno 3 dal Genoa ieri sconfitto 1 a 0 a Parma con rete decisiva dell’ex Kucka.

I posticipi della domenica: stop per il Napoli

Alle 18:00 è sceso in campo il Napoli a Reggio Emilia contro il Sassuolo. 1-1 il finale. Insigne a 4′ dalla fine ha pareggiato il gol di Berardi siglato in apertura di secondo tempo. I partenopei, dopo il 4-1 di venerdì della Juventus sull’Udinese, sono distanti 18 punti dai bianconeri e ora devono guardarsi le spalle. Con solo 6 punti di margine sul Milan terzo, da qui alla fine la squadra di Ancelotti non potrà permettersi altri passi falsi se vorrà mantenere saldo il secondo posto.

In serata a Firenze la Lazio dovrà rispondere alle concorrenti in lotta per la Champions. Davanti troverà una Fiorentina a caccia del riscatto dopo la sconfitta contro l’Atalanta di una settimana fa (qui la diretta scritta).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News