Resta in contatto

Esclusive

Lazio-Milan, 3 domande a Dj Ringo: “Biancocelesti non sfavoriti”

Lazio-Milan, Dj Ringo

Lazio-Milan, l’intervista di Sololalazio.it al noto personaggio televisivo e tifoso del Milan.

Mancano poche ore al fischio d’inizio di LazioMilan, andata della semifinale di Coppa Italia. La squadra di Simone Inzaghi è in emergenza, soprattutto in difesa, ma per i biancocelesti sarà un appuntamento da non sbagliare. In ca

Le nostre 3 domande a Dj Ringo

Per parlare della super sfida dell’Olimpico, abbiamo rivolto tre domande a Ringo, noto deejay, conduttore radiofonico di Virgin Radio, personaggio televisivo e tifoso rossonero:

– I biancocelesti sono in emergenza: sei ottimista o non ti fidi lo stesso?

“In queste partite non guardo mai gli infortuni, a meno che non si tratti di un’emergenza completa. Sono partite talmente particolari che tutti i giocatori raggiungono una concentrazione massima e anche chi entra come rincalzo può fare la differenza. La Lazio non è sfavorita, come il Milan ha il 50% di possibilità di parlare”.

– Ti aspetti un Lazio-Milan bloccato come la semifinale dello scorso anno?

“Secondo me ci saranno tanti gol. Il Milan ha raggiunto un buon livello, ha un gioco più offensivo e crea tanto. La Lazio la conosciamo, ha sempre fatto gol. Se la giocheranno a faccia aperta, con i dovuti schemi. Piatek? Grande acquisto dopo la disavventura Higuain. Pagato un sacco di soldi, non ha reso ed è andato via quasi senza salutare la squadra che ci è rimasta male. Piatek è stato un toccasana, guadagna giustamente ma fa sempre gol. Penso che sia tutto quello che i tifosi vorrebbero”.

– Quale sarà il duello individuale che accenderà la sfida?

“Ho paura di quelli che fanno gol, quindi dico Immobile e Piatek. E credo anche che i due portieri, Strakosha e Donnarumma, domani avranno tanto da lavorare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile aggancia Piola. Anzi no…! Ecco quanto manca

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Esclusive