Resta in contatto

News

Lazio, Diaconale critica Virginia Raggi per la visita nella sede della Roma

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Lazio, il portavoce del club definisce “improvvida” la decisione di Virginia Raggi.

Il portavoce della Lazio, Arturo Diaconale, prende posizione nell’ambito delle polemiche nate per la presenza di Virginia Raggi all’inaugurazione della nuova sede della Roma.

La sindaca capitolina, nella serata di ieri, è stata ospite della cerimonia organizzata in casa giallorossa. Insieme a lei, anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. In particolare, a suscitare molte critiche tra i tifosi biancocelesti, è stato il post pubblicato dall’account Instagram ufficiale della sindaca: nella didascalia delle foto, si afferma come la nuova sede segni simbolicamente “un rapporto ancora più stretto tra Roma, tifosi e squadra”.

L’episodio della maglia proposta per il figlio

Il mondo Lazio ha accolto negativamente queste parole: in tanti hanno ricordato l’episodio del settembre 2016, quando il club biancoceleste espresse il desiderio di regalare al figlio – e grande aquilotto – di Virginia Raggi una maglia della sua squadra del cuore. Allora, spiegò Diaconale, il Campidoglio declinò “ritenendo doveroso mantenere l’imparzialità calcistica”.

“Comportamento istituzionalmente improvvido”

Oggi è lo stesso portavoce biancoceleste a riprendere la parola, ai microfoni di Lazio Style Radio. Ecco il suo intervento:

“Sono stato sollecitato da innumerevoli richieste in merito all’inaugurazione della nuova sede della Roma che si è tenuta ieri, alla quale hanno partecipato il Premier Giuseppe Conte e la Sindaca Virginia Raggi. Il Presidente del Consiglio ha manifestato la sua simpatia per i colori giallorossi a tale evento. Alla vigilia di un derby che si preannuncia importante, considerando che potrebbe essere decisivo per il quarto posto e per la stagione dei due Club, mi sembra istituzionalmente improvvido il comportamento del Presidente del Consiglio e della Sindaca Raggi. Quest’ultima è stata più volte invitata a visitare il Centro Sportivo di Formello sapendo che ha un figlio laziale”

“Non vorrei che rispecchi una scala gerarchica rispetto alle due squadre”

Diaconale prosegue così:

“Finora non abbiamo mai avuto il piacere di incontrarla a causa di suoi impegni. Non vorrei che quanto accaduto rispecchi, oltre che uno sgarbo nei confronti dei tifosi della Lazio, che vivono nella stessa città della Sindaca e del Presidente Consiglio, una scala gerarchica nelle istituzioni rispetto alle due squadre delle Capitale, un trattamento che non sarebbe comprensibile e accettabile. Si è trattato probabilmente di un errore che, però, ha suscitato l’irritazione di quella parte della città di Roma che è legata i colori biancocelesti”. Per leggere il resto dell’intervento di Diaconale, rimandiamo al sito ufficiale biancoceleste.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] delle polemiche scaturite per la sua presenza all’inaugurazione della nuova sede della Roma (qui le dichiarazioni ufficiali di Diaconale). Lotito ospiterà la Raggi e potrà cogliere l’occasione per parlare dello ‘Stadio […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Al momento ci sono cose più importanti da vedere ,se non sa che dire stesse zitto che è meglio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Serve gente che sappia di marketing. Non abbiamo bisogno di esorcisti ma di preparatori atletici e medici preparati. Serve gente di settore.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Diconale cade nel ridicolo facendo questi comunicati… cercano visibilità in maniera ridicola! facesso una sede in centro poi ne parliamo. Stiamo ancora aspettando un negozio in centro storico promesso da anni ma fin ora solo chiacchiere, come lo stadio e mercato di rinforzo … però abbiamo il bilancio in attivo!!
Forza Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ha ragione c’era anche Conte e voleva maglia Totti.poi noi lottiamo tra di noi e non ci fanno neache parla’

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Raggi scandalosa

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Non sarebbe durato un solo giorno con questa Società. Lui,uomo onesto e vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News