Resta in contatto

News

Siviglia, Machin: “Non sottovalutiamo la Lazio”

Machin, tecnico del Siviglia, ha presentato la gara di domani contro la Lazio nella consueta conferenza stampa della vigilia.

Così il tecnico del Siviglia:

“Siamo ambiziosi e pronti. Vogliamo fare bene e vincere, ma non dobbiamo sottovalutare la Lazio. Avremo bisogno anche dei nostri tifosi, lotteremo per loro. La sconfitta con il Villarreal? Ci sta che la squadra soffra. Non eravamo ben messi in campo, c’è stata differenza tra il primo e il secondo tempo”.

Sul momento difficile della sua squadra:

“Ci serve più continuità. Nel calcio se fai più errori del dovuto alla fine perdi.  Nelle ultime giornate abbiamo sofferto tanto, siamo meno efficaci rispetto al passato, in cui la situazione non era così. Ora dobbiamo creare più oppurtunità e cercare di rimanere concentrati in difesa. In rosa abbiamo comunque ottimi calciatori”.

C’è possibilità di cambiare modulo?

“Date troppa importanza al modulo, ma quello che conta è l’idea di gioco, la filosofia.  Ho diverse alternative, abbiamo lavorato molto. Useremo il 3-5-2, il nostro preferito”.

Nella Lazio Luis Alberto è infortunato…

“È un giocatore importante, ma vorrei pensare alle nostre di assenze, non alle loro. Con Luis Alberto in campo il gioco della Lazio cambia, vedremo domani. Inzaghi ha tanti altri calciatori di livello a disposizione. La Lazio non ha nulla da perdere, per questo sarà una gara molto complicata, bisognerà stare attenti”.

Si giocherà alle 18.00. Non il massimo per i tifosi…

“Non lo so, i tifosi storicamente sostengono sempre la squadra. Capisco che alcuni saranno a lavoro. Sarebbe bello sempre giocare di sera ma non è possibile. Se qualcuno potrà uscire mezz’ora prima dal lavoro, lo faranno”.

Sugli incidenti di Roma e il clima di allerta a Siviglia in vista del match di domani:

“L’episodio di Roma è stato molto grave. Il 99,9% di coloro che amano il calcio però è contro a questi comportamenti. Qui non parliamo di Siviglia-Lazio, ma di gente che si approfitta di un evento sportivo per fare altro. Non c’entra nulla col calcio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News