Resta in contatto

News

Immobile: “Voglio la Champions. Futuro? C’è la Lazio”

Immobile: "Questa squadra merita di vincere qualcosa l'anno prossimo"

Immobile ha parlato in esclusiva a Lazio Style Channel, canale tematico della società, toccando tanti temi. Dalla Champions al derby, da Inzaghi ai vari record biancocelesti, ecco un estratto delle sue dichiarazioni:

L’attaccante biancoceleste ha subito evidenziato l’obiettivo stagionale, la Champions League: 
“Mi piacerebbe arrivarci, la vivrei da protagonista e potrei fare qualcosa di importante. Per questo sono doppiamente dispiaciuto per quello che è successo nella scorsa stagione, ma sono ripartito molto carico in estate. Più che perdere contro l’Inter, abbiamo sbagliato a non vincere contro il Crotone. Lo stesso discorso vale per l’Europa League, saremmo potuti arrivare facilmente in finale. A Salisburgo abbiamo pensato inconsciamente di essere già passati, abbiamo sbagliato mentalmente”.

Immobile poi si sofferma sul derby di Roma, in programma tra due settimane:

“Sono arrivato ad agosto e i tifosi già mi parlavano del derby, che si giocava a dicembre. È una partita speciale, che ti dà adrenalina e ti mette pressione. Nel primo anno ne ho giocati 4, non è stato proprio semplice. Dei 4 gol realizzati contro la Roma solo due sono stati importanti, quelli segnati in Coppa Italia sono stati una soddisfazione importante. La corsa di Inzaghi con me? Una scena particolare, lui mi ha accompagnato sul fallo laterale come molti tifosi avranno fatto in quel momento”.

Tra lui e Inzaghi c’è un rapporto particolare:

“È bellissimo il nostro rapporto. Mi ha dato subito massima fiducia e io credo di averla meritata, sia in campo che con i comportamenti fuori. Credo che il mister abbia bisogno di quattro o cinque giocatori che nello spogliatoio riescano ad aiutarlo a gestire diverse situazioni”.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News