Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, parla Diaconale: “Lo stadio vuoto non aiuta, ma i tifosi risponderanno presente”

È un momento delicatissimo per la Lazio. La sconfitta per 0-1 in casa contro il Siviglia ha complicato l’avventura europea dei biancocelesti, che in pochi giorni si giocheranno una fetta importante della stagione: mercoledì il ritorno in Spagna, il 26 l’andata della semifinale di Coppa Italia contro il Milan e il 2 marzo il derby contro la Roma. Per commentare il clima che si respira intorno alla squadra di Inzaghi su Lazio Style Radio è intervenuto Arturo Diaconale, portavoce ufficiale della società.

Lazio, le parole di Diaconale

“C’è un nervosismo negativo che spunta di tanto in tanto in momenti fisiologici di una lunga stagione, questa in particolare vede la Lazio come unico club italiano impegnato su tre fronti. Si sfrutta ogni aspetto per criticare la Società in attesa di qualcosa che non si sa neppure cosa possa essere. La sindrome di Tafazzi è autolesionista, qui, al contrario, si bastonano Società e squadra con l’unico scopo della visibilità che, in termini di audience, comporta risultati economici. È bene che ognuno faccia il suo ed abbia il diritto di agire come crede ma l’importante è che si conoscano gli scopi di un determinato comportamento. Il chiacchiericcio non aiuta e non crea un clima ideale intorno alla squadra, chiamata quindi ad isolarsi per superare il momento”.

Obiettivi stagionali

“Siamo in un periodo caldo della stagione tra Europa League, Coppa Italia e campionato, con alle porte un derby che può valere il quarto posto. Il chiacchiericcio non aiuta e non crea un clima ideale intorno alla squadra, chiamata quindi ad isolarsi per superare il momento. Siamo in un periodo caldo della stagione tra Europa League, Coppa Italia e campionato, con alle porte un derby che può valere il quarto posto. Questo ambiente forse spera nel collasso e nella crisi:il risultato con il Siviglia è stato negativo ma parziale, gli spagnoli sono ostici, dispongono di un grande attacco ma siamo ancora in corsa. La squadra andalusa ha giocato bene contro un avversario rimaneggiato e colpito da una serie di infortuni del tutto casuali. La Lazio può far bene a Genova ed a Siviglia, dovrà dare il massimo con il Milan per poi giocarsi al meglio il derby”.

Il processo di crescita

“La crescita non avviene semplicemente con una campagna acquisti. Alcuni media credono di poter assumere un valore nel pubblico criticando sempre. In certi settori dei media romani, questo aspetto c’è e continua imperterrito: è un modo per caratterizzarsi ed è tipico di un certo ambiente di tifosi laziali o presunti tali”.

Differenze con la Roma

“Ciò non si verifica dall’altro lato della città, dove si passa dal 7-1 di Firenze ad un’esaltazione in seguito ad una vittoria che porta a cancellare completamente l’episodio negativo ed a pronosticare subito clamorose vittorie in campionato e Champions. Sono due modi diversi di vivere il rapporto con la propria squadra”.

Infortuni e stadio vuoto

“Per le squadre impegnate ad alti livelli, i problemi fisici si verificano spesso. Possono capitare degli incidenti: se il prato dell’Olimpico nasconde una buca in cui va a finire Marco Parolo, lo staff medico non può far altro che assistere attonito. Il sistema sanitario funziona alla grande; certamente tutto è perfettibile ma, senza guardare alle altre squadre, posso dichiarare che noi siamo in una condizione più che vantaggiosa. Lo stadio vuoto rende la squadra più debole in campo, gli spalti gremiti rappresentano il dodicesimo uomo al fianco della squadra. Il tifo biancoceleste resiste anche ai tentativi di influenza negativa, sono sicuro che nelle prossime giornate rivedremo la massima mobilitazione. Se si vuole puntare in alto occorre mantenere i nervi saldi e continuare a sostenere i giocatori anche e soprattutto nei momenti di difficoltà”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News