Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Luis Alberto di fronte al “suo” Siviglia: “Non vedo l’ora di giocare”

Luis Alberto, trequartista della Lazio

Luis Alberto e la sfida al “suo” Siviglia: “Non vedo l’ora”. Leggi le sue parole in patria

Il derby del cuore di Luis Alberto. Il trequartista della Lazio non vede l’ora di affrontare il Siviglia, il “suo” Siviglia. Già, perché il numero 10 biancoceleste è nato a San José del Valle, a poco più di 100 chilometri dal capoluogo andaluso.

Tutto parte da Siviglia e dal Siviglia

E nei Nervionenses – così sono soprannominati i giocatori locali – Luis Alberto è cresciuto calcisticamente: prima di approdare nella cantera del Barcellona, infatti, il talento spagnolo ha indossato la maglia del Siviglia Atletico (la formazione B) e poi delle giovanili del club biancorosso. Giovedì troverà il suo passato sulla strada dell’Europa League. Un match affascinante e dai tantissimi significati per il funambolo laziale, come spiegato da lui stesso ai microfoni di Estadio Deportivo.

“Ho voglia di giocare nel Sanchez-Pizjuan”

In patria, Luis racconta le proprie emozioni nello sfidare la sua squadra del cuore: “Me lo sentivo che avremmo affrontato il Siviglia. All’80% almeno: l’altro 20% lo riservavo al Betis. Insomma, sapevo che sarei tornato lì. Ho voglia di giocare al Sanchez-Pizjuan, era la mia casa. Lì troverà tutta la mia famiglia, i miei amici. Una motivazione in più, di cui devo approfittare in questo momento della carriera”.

Il numero 10 “presenta” il Siviglia

Secondo Luis Alberto, il Siviglia “è una squadra molto simile alla Lazio, ha un centrocampo forte. Se stanno bene i vari Banega, Sarabia e Vazquez, girano tutti meglio. Sono una delle migliori squadre d’Europa, ma noi abbiamo una grande fame di andare avanti”.

Sul suo momento

Il trequartista della Lazio parla anche del suo momento attuale: “Ho capito che dovevo dare di più. Ora le cose vanno meglio, ma posso ancora migliorare e soprattutto continuare a divertirmi. Del resto, questo era il mio sogno da bambino”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News