Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Qatar 2022

Portogallo-Svizzera: Ramos trascina i lusitani ai quarti di finale

Rimani sempre aggiornato sul sito Tifosi in Rete

Show portoghese, elvetici annientati: Ronaldo parte inizialmente dalla panchina

Un superbo Portogallo annienta la Svizzera 6-1 in una gara senza storia. Partita a dir poco perfetta per la nazionale di Santos, che decide di lasciare in panchina Cristiano Ronaldo, dopo le tante polemiche nei giorni scorsi a seguito della sua uscita dal campo durante l’ultimo match, e scegliendo al suo posto Ramos.

La scelta è vincente e l’attaccante classe 2001 si inventa una clamorosa tripletta alla quarta presenza in carriera in Nazionale. Nel mezzo le reti di Pepe, Guerreiro e Leao nel finale. Tutto il Portogallo però disputa un match clamoroso, senza il suo leader assoluto. Ora ai quarti la sfida con il Marocco.

Tabellino

PORTOGALLO (4-3-3): Diogo Costa; Dalot, Ruben Dias, Pepe, Guerreiro; William Carvalho, Otavio (dal 74′ Vitinha), Bruno Fernandes (dall’86’ Leao); Joao Felix (dal 74′ Cristiano Ronaldo), Gonçalo Ramos (dal 74′ Ricardo Horta), Bernardo Silva (dall’81’ Ruben Neves). All. Santos

SVIZZERA (4-3-3): Sommer; Fernandes, Akanji, Schar (dal 46′ Comert), Rodriguez; Sow (dal 55′ Seferovic), Freuler (dal 55′ Zakaria), Xhaka; Shaqiri, Embolo (dall’88’ Jashari), Vargas (dal 65′ Okafor). All. Yakin

GOL: Gonçalo Ramos (P), Pepe (P), Gonçalo Ramos (P), Guerreiro (P), Akanji (S), Gonçalo Ramos (P), Leao (P)

ASSIST: Joao Felix (P), Bruno Fernandes (P), Dalot (P), Gonçalo Ramos (P), Joao Felix (P),

AMMONITI: Schar (S), Comert (S),

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Qatar 2022