Resta in contatto

News

Lazio, Cataldi: “Se vogliamo diventare grandi dobbiamo vincere queste gare”

Il numero 32 ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio:

“Dopo la partita di venerdì siamo stati bravi a ricaricare le batterie. Lo scorso anno prendevamo sotto gamba alcune partite come Bologna e Verona e mentalmente non eravamo pronti. Oggi abbiamo giocato bene, subendo solo due tiri, la dovevamo portare a casa, sfruttando delle situazioni dove non siamo stati bravi. Se vogliamo diventare una grande squadra bisogna vincere queste partite. Siamo venuti per fare la partita e l’abbiamo fatta, abbiamo preso un palo, abbiamo avuto alcune occasioni dove potevamo far male, ci dispiace e nello spogliatoio eravamo parecchio arrabbiati. È fastidioso pareggiare una partita che al 92′ stavi vincendo, ora bisogna recuperare in fretta per un’altra grande sfida che ci aspetta sabato, dove affronteremo una grandissima squadra, fra le migliori del campionato, ma penso che la affronteremo come queste prime 4 gare. Col Bologna c’è stata una situazione problematica, poche squadre vinceranno a Torino mentre oggi e venerdì abbiamo giocato da Lazio. Abbiamo avuto momenti in cui abbiamo provato l’affondo, mentre nel secondo tempo abbiamo più gestito la palla cercando l’occasione per far male. L’avversario non riusciva a prenderci perché facevamo girare bene la palla, però le partite le devi chiudere e a pochi minuti dalla fine può succedere di tutto. È cambiato tanto dallo scorso anno, cerchiamo di fare tutto ciò che vuole il mister e le cose ci stanno riuscendo, secondo me abbiamo dominato. Dispiace non vincere queste gare. Forse ci siamo fermati solo dopo l’episodio VAR. Nel secondo tempo abbiamo continuato a giocare, i presupposti c’erano, succede questo poi se le gare non le chiudi.”

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News