Resta in contatto

Le Cardopagelle

Inter – Lazio, le Cardopagelle: Hysaj e Basic flop. Perché Zaccagni fuori?

Inter – Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Strakosha 6

Due miracoli su Lautaro e Dumfries, è coperto sul tiro di Bastoni ma secondo me sbaglia a non uscire sul leggibilissimo cross del 2-1. Come personalità non mi sembra che cresca

 

Hysaj 5

Forse il peggiore della Lazio. Anderson non lo aiuta, vero, ma lui soffre da pazzi contro Perisic. Non lo ferma nell’uno contro uno e non lo vede quando il croato si ritrova da solo davanti a Strakosha. E stiamo per vendere Lazzari…

Luiz Felipe 6

Ormai lo ammoniscono pure quando non lo merita. Salvataggio eccezionale su Perisic, ovviamente rivedibile l’intesa con Radu: normale, era la prima volta insieme al centro della difesa.

 

Radu 6-

Lo premio perché non è abituato a giocare in quella posizione e non è andato male: individualmente lui e Luiz Felipe hanno disputato una partita decente, è la fase difensiva nel suo complesso che continua a non convincere, anche se oggi la Lazio ha giocato molto più da squadra rispetto per esempio a giovedì. Ma in certe occasioni la linea si abbassa troppo e quindi si porta il pericolo in area, perfino quella piccola.

Marusic 6

Bel duello con Dumfries, Adam se la cava anche se doveva avere più coraggio nell’accompagnare Pedro.

Milinkovic 5,5

Elegante, raffinato, tecnicamente perfetto ma stavolta per niente concreto: bravo Gagliardini ad arginarlo (Inzaghi lo temeva da morire, giustamente), però Sergej si era liberato al tiro su assist di Anderson e ha fallito la conclusione. Peccato, la partita sarebbe cambiata.

Cataldi 6,5

In fase difensiva lo conosciamo, ha i suoi limiti, ma se la Lazio resta in gara è grazie al suo lancio per Immobile. Furbo

 

Basic 5

Mi ha molto deluso, Toma. Soprattutto perché uno con la sua stazza non può farsi beffare così da Skriniar nel duello aereo  che ha deciso la sfida.

 

Felipe Anderson 5+

Regala una palla favolosa a Milinkovic, però è l’unico guizzo della sua partita. Ero convinto avrebbe giocato Zaccagni, sinceramente sarebbe stato meglio. Abulico.

 

Immobile 8

Trasforma in oro quel poco che gli arriva. Killer diabolico, Ciro arriva a 15 gol per il sesto campionato di fila: impressionante. E c’è chi aspetta Scamacca o Raspadori per l’Italia, mah…
 

Pedro 5,5

Tra la partita con l’Empoli e oggi, Pedrito si è perso un po’ sotto porta: troppo altruista nella prima occasione, poco cattivo nella seconda. Si riscatterà a Salerno, sicuro

 

Sarri 6

La Lazio oggi ha difeso da squadra, ma è ancora troppo timorosa rispetto a quello che chiede il Comandante. Grave l’errore di lasciare in panchina per un’ora Zaccagni, per il resto prova discreta: imperdonabile, invece, non aver battuto l’Empoli.

Luis Alberto 6-

Deluso dalla panchina, almeno spaventa Handanovic dalla bandierina.

 

Leiva 6

Copre le spalle ai compagni quando provano a darsi una mossa per pareggiare

 

Zaccagni 6+

Entra con la tigna giusta, forse perfino troppa (vedi il fallo su Barella). Ma è evidente che andava sfruttato dall’inizio: è il più in forma della Lazio.

 

Lazzari sv

 

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Le Cardopagelle