Resta in contatto

Parola ai tifosi

Immobile, numeri “alla Totti”, che lo proiettano verso un clamoroso sorpasso…

Analisi di un tifoso biancoceleste che proietta Immobile verso un possibile clamoroso sorpasso tra i marcatori all time della Serie A.

I numeri di Ciro Immobile lo proiettano verso un clamoroso sorpasso. No, non è quello a Silvio Piola tra i marcatori della storia biancoceleste. Si parla della classifica all time dei goleador della Serie A. Anche lì al primo posto c’è, stabile e pressoché irraggiungibile, il bomber di Robbio con 274 reti (considerando solo i tornei ufficiali a girone unico, ndr), seguito da Francesco Totti a quota 250. Ed è proprio ai danni dell’ex capitano della Roma che potrebbe verificarsi lo scavalcamento.

Come fa notare un tifoso laziale appassionato di statistiche, che si fa chiamare “Debunker”, un dato in particolare rende verosimile lo scenario. A 31 anni e 10 mesi il fu pupone aveva messo a segno 165 gol nella massima serie. Il bomber di Torre Annunziata, tra Genoa, Torino e Lazio, arrivato alla stessa età ne ha siglati solo 2 in meno. A risaltare agli occhi è però il tempo impiegato per raggiungere tale soglia. Totti all’epoca aveva disputato 14 stagioni in A, Ciro ne ha fatte solo 9 (per entrambi non sono prese in considerazione le prime apparizioni sporadiche da giovanissimi e, comunque, senza marcature, ndr).

Al momento il numero 17 biancoceleste si trova al 18° posto della classifica assoluta. Quagliarella, 13° a 178, è l’unico altro nome ancora in attività tra i primi venti. Ma, a 38 anni, è agli sgoccioli della sua carriera e sarà difficile per lui scalare ancora molto le gerarchie. Discorso invece non valido per il capitano della Lazio, che ha verosimilmente davanti a sé ancora diversi campionati da giocare. Complicato ipotizzare che possa arrivare a 40 anni come il recordman romanista, ma con una media realizzativa di 0,61 gol a partita, seconda solo a quella di Gunnar Nordahl (0.77), raggiungere la seconda piazza non sembra totalmente impensabile.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Parola ai tifosi