Resta in contatto

Rubriche

Lazio-Roma: Milinkovic festeggia con gol le 200 gare in A; Immobile assistman… #DiamoINumeri

Lazio-Roma, #DiamoINumeri

a cura di Daniele Caroleo

La Lazio di Maurizio Sarri vince il derby per 3 a 2. Una vittoria di carattere, ottenuta grazie alla grinta ed alla forza di volontà degli interpreti schierati sul rettangolo di gioco. Un risultato importante, dal punto di vista psicologico e morale, oltre che, ovviamente, dal punto di vista numerico e statistico. Con questa vittoria, infatti, la Lazio porta a 16 i risultati positivi ottenuti consecutivamente tra le mura amiche (14 successi e 2 pareggi, con ben 40 gol segnati complessivamente). Numeri alla mano, poi, la Lazio ha vinto 3 degli ultimi derby di Serie A contro la Roma, segnando 3 gol in ognuna di queste vittorie. Inoltre, attualmente, la squadra biancoceleste ha il 3° miglior attacco del campionato (dopo Inter e Napoli), con 15 gol segnati: era dalla stagione 1992/93 che la Lazio non segnava almeno 15 reti nelle prime 6 partite di Serie A.

Pronti via, e dopo pochi istanti ecco la rete di Sergej Milinkovic-Savic (dopo 9′ e 52”) che, in occasione della presenza numero 200 in Serie A (è il 7° calciatore serbo a raggiungere questo traguardo nell’era dei 3 punti a vittoria), ha anche realizzato il gol più veloce della Lazio in un derby di Roma di campionato da quello di Hernanes nel marzo 2012 (9′ e 11”). Con questa marcatura, inoltre, il Sergente ha superato Mihajlovic e con 39 gol si è portato al 3° posto solitario tra i migliori marcatori della Serbia nella storia Serie A (davanti ci sono solo Ljajic e Stankovic).

Qualche minuto più tardi arriva il raddoppio di Pedro (al 19’) che con questa rete diventa il 3° giocatore nella storia a segnare in un derby capitolino in Serie A con entrambe le maglie, dopo Arne Selmonsson e Aleksandar Kolarov.

Il gol che mette sostanzialmente fine alla partita, giunge poi nel secondo tempo, ed è firmato dal Felipe Anderson (al 63’). Il brasiliano, per altro, si era già reso protagonista, precedentemente, con il meraviglioso assist per il colpo di testa vincente di Milinkovic nella prima frazione di gioco: l’unico precedente con un’accoppiata assist-gol di Felipetto in un derby di Serie A risale al gennaio 2015 (assist per Mauri, in quell’occasione). L’esterno brasiliano, inoltre, risulta essere, in base alle statistiche fornite da FootData, il 2° in Serie A per numero di dribbling tentati (27, dietro Boga del Sassuolo) e al 1° per quanto riguarda quelli riusciti (17, insieme a Leao del Milan).

In occasione degli ultimi 2 gol biancocelesti, invece, gli assist decisivi sono stati firmati entrambi da Ciro Immobile: statisticamente questa è la seconda volta in Serie A in cui l’attaccante biancoceleste fornisce più di un assist nello stesso match (dall’ottobre 2017, 3 contro il Benevento). Nonostante sia però rimasto a secco di gol in occasione del derby, Ciro resta comunque in testa all’attuale classifica cannonieri della Serie A (6 gol) e con ben 26 tiri complessivi risulta anche essere il migliore del campionato in questa speciale classifica dopo 6 giornate (con 13 tiri nello specchio, anche in questo caso al primo posto in Serie A).

Oltre al risultato finale, però, ci sono anche alcuni dati statistici che cominciano a far ben sperare in merito all’idea di gioco voluta dal nuovo allenatore biancoceleste. La Lazio, infatti, al momento risulterebbe essere seconda in campionato per numero di passaggi tentati (3377) e per numero di passaggi riusciti (2925, con quasi l’87% di precisione): in entrambi i casi la squadra migliore è il Napoli, attuale capolista della Serie A (a quota, rispettivamente, 3662 e 3296, con il 90% di riuscita).

Le note dolenti arrivano dalla difesa, con la formazione biancoceleste che ha subito almeno un gol in ognuna delle prime 6 partite di un campionato di Serie A per la prima volta dalla stagione 1992/93 (con Zoff in panchina). E tutto questo nonostante Acerbi e Luiz Felipe siano, attualmente, al 2° ed al 4° posto per spazzate efficaci in fase difensiva (rispettivamente a quota 24 e 22, con, al 1° posto in questa speciale classifica, il calciatore Gyomber della Salernitana). Senza dimenticare che, dopo le prime 6 giornate di campionato, la Lazio è comunque la squadra meno fallosa della Serie A (a quota 64, a pari merito con il Napoli), ma è prima per numero di contrasti (111) e contrasti vinti (63 in totale, con Hysaj, a quota 10, al terzo posto nella relativa classifica dei singoli giocatori, dietro Dominguez del Bologna e Stojanovic dell’Empoli) ed è seconda (subito dietro l’Atalanta) per numero di duelli vinti (323).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da Rubriche