Resta in contatto

Il meglio dei Social

Lazio, Parolo cambia ruolo ma la passione resta: travolto dagli ex compagni a fine partita

Lazio, l’ex centrocampista non si sottrae all’euforia dei compagni

La Lazio trionfa nel derby e punta a rilanciarsi dopo un periodo ‘no’, con 4 gare senza successi. Il 3-2 nella stracittadina ha portato tantissimo entusiasmo sia nello spogliatoio che all’intero ambiente. Al triplice fischio è partita la festa biancoceleste, con l’intera squadra sotto la Nord, Sarri con l’aquila Olimpia al polso e tanti cori. Nell’esultanza generale è stato coinvolto anche Marco Parolo, ora commentatore per Dazn, che si è ritrovato travolto dall’ex compagno Lucas Leiva.

Queste le sue parole a LSC: ”

“L’abbraccio di Leiva mi ha fatto piacere, per il rapporto umano che ho con lui e per quello che abbiamo vissuto insieme. Sapevo cosa significasse per lui questa vittoria. La spontaneità dell’abbraccio mi è piaciuto ed è un attestato di stima da parte sua nei miei confronti. Lui è fondamentale per questa Lazio, ha fatto crescere la squadra. Ho visto una bela partita facendo il commentatore è stato un derby pieno di tante cose. La Lazio ha vinto perché ha avuto giocatori che hanno fatto la differenza nelle giocate singole.
La Roma solo con Zaniolo ci ha provato, mentre la Lazio da Pedro a Milinkovic fino a Felipe Anderson e Immobile hanno fatto il massimo. Bisogna capire che la Lazio di Sarri non sarà il Napoli di Sarri, ogni squadra è diversa perché ha caratteristiche diverse e interpreti diversi. Ogni squadra è una storia a sé. Immobile servito in un certo modo è funzionale e può aiutare la squadra. Ieri la partita si è messa sui binari giusti, si è messa nel modo che la Lazio preferisce. Il nuovo sarrismo sta nella qualità dell’uscita e nel saper far male. I biancocelesti poi stanno crescendo in fase difensiva con la vicinanza delle linee e poi credo che squadra e allenatore si stiano adattando sempre di più uno all’altro. Ieri Felipe Anderson ha fatto giocate da marziano ma che io conosco bene, perché le ha fatte quando giocavamo insieme. Ogni tanto si prende delle pause ma ci si lavora senza problemi.
La palla che dà a Sergej è bellissima, nei dribbling è stato determinante e nel secondo tempo ha aiutato tantissimo in fase difensiva. Luiz Felipe ha fatto una buona partita, ha margini di miglioramento per diventare un giocatore ancora più completo. Potrà creare con Acerbi una coppia difensiva interessantissima. Per Sarri non credo che Lazzari sia un problema anzi. Marusic ora gli da qualche garanzia in più anche dal punto di vista della struttura fisica e della sua capacità di difendere. Lazzari è assolutamente un valore aggiunto per Sarri e potrà fare bene, però giustamente il mister ora deve trovare l’equilibrio giusto della squadra in campo. Ho visto un Milinkovic-Savic molto più vicino a Immobile era molto più in avanti, questo sicuramente è stato determinante e infatti lo si capisce dal gol che fa”.

ECCO IL POST:

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Il meglio dei Social