Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, Jony: “Ho già giocato come ala, sia a destra che a sinistra. Obiettivo? Se resto, la Champions”

Jony si racconta a El Comercio: dallo Sporting Gijon alla Lazio

Lazio, le parole dell’esterno direttamente dal ritiro

Dal ritiro di Auronzo l’esterno spagnolo Jony parla ai microfoni ufficiali di Lazio Style Channel in vista della prossima stagione. Ecco le parole riportate sul sito ufficiale:

“Il ritiro procede bene, stiamo lavorando tanto mentre impariamo ciò che il mister vuole. La squadra per anni ha fatto un modulo diverso e adesso serve lavorare per imparare il più velocemente possibile il nuovo gioco. L’anno scorso ho avuto molti infortuni, quest’anno il primo giorno avevo un affaticamento muscolare. Il dottore mi ha detto di fermarmi qualche giorno per tornare bene. L’amichevole di qualche giorno fa a livello fisico è andata bene, ma con il pallone non è stato lo stesso, era tanto tempo che non giocavo una partita. Era la prima, ma con il passare del tempo questo aspetto migliorerà.

A livello di ruolo per me destra o sinistra è lo stesso, mi sento bene da entrambe le parti. Sono disponibile per il mister. Sarri ci chiede di fare bene la pressione, saltare l’avversario, fare le cose semplici in mezzo al campo e poi essere bravi dalla trequarti avversaria in avanti. Lo staff sta lavorando molto con noi per migliorare individualmente. Abbiamo fatto un test posturale e di forza e con quei risultati stiamo lavorando per migliorare. Dalla prossima stagione mi aspetto soprattutto di raggiungere l’obiettivo: se rimango alla Lazio, è andare in Champions, se devo andare via magari in prestito diventa fare bene per farmi vedere e tornare qui. 

Raul Moro sta lavorando molto bene, è un giocatore con grande qualità. È giovane, deve imparare da chi ha più esperienza, ma credo stia andando per la strada corretta. È un ragazzo umile a cui piace lavorare. Ho già fatto l’esterno alto, mi trovo molto meglio come ruolo. In ogni caso ogni allenatore ha il proprio modo di lavorare. Devo fare tutto il possibile per capire il modo del mister e farmi trovare pronto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News