Resta in contatto

News

Lazio, Parolo a Sky: “Ho ancora voglia di giocare. F. Anderson è un grandissimo giocatore”

Marco Parolo, ex centrocampista della Lazio, appena svincolatosi dal club biancoceleste, ha appena ai microfoni di Sky della Nazionale e delle sfide future che vuole affrontare

Ecco le sue dichiarazioni: “Adesso sono in attesa di trovare la soluzione giusta per me, ho voglia di giocare, stamattina mi sono allenato. Ho voglia di divertirmi, quando hai il fuoco dentro e vuoi divertirti devi farlo. Per il resto c’è tempo. Anche la Nazionale mi stimola. Ci sono tante analogie con la Nazionale del 2016. C’è unità di intenti, come 5 anni fa. Questa deve essere la nostra forza, la differenza sta nelle seconde palle, noi abbiamo voglia di arrivare prima. Le furbizie, le piccolezze sono decisive. Sul gol di Chiellini con la Spagna eravamo in 4 sulla palla, scontato la prendessimo noi. La Spagna è diversa, ha cambiato tanto, perdendo anche dei campioni, hanno dei giovani a cui stanno inculcando la mentalità vincente. Sarà una partita diversa. Noi dobbiamo essere orgogliosi di essere italiani, siamo forti e abbiamo forse la miglior erba coltivata, basta dire che quella del vicino è più verde. Siamo compatti, sappiamo sfruttare le ripartenze, abbiamo creato un giusto mix che ci rende molto pericolosi. Possiamo fare una gran partita contro una squadra che vuole dimostrare anch’essa la sua forza. Quando ci si diverte, in campo arriva. Sei più sereno, più spensierato. C’è stima, rispetto. Chi gioca sa che dalla panchina può entrare qualcuno pronto a fare meglio. Sono due centrocampi che palleggiano e che vogliono avere il pallino del gioco, noi abbiamo Jorginho, Barella e Verratti, loro Busquets, Pedri e Koke, che sono simili. Secondo me prevarrà chi arriverà per primo sui palloni vacanti e per me l’Italia può avere dei vantaggi. Anche se sono fortissimi. Jorginho è un giocatore incredibile. Nel 2007 ero a Verona e giocava nelle giovanili e io dicevo “Ma questo la palla non la perde mai”. È un giocatore incredibile, si è completato tantissimo all’estero. Da ordine, richiama i compagni, è importante anche con la voce. Anche Verratti è così. Noi avevamo Verratti e Thiago Motta a cui non la levavi mai, ora Jorginho e Verratti. Barella è più incursore, ma sa fare anche lui il lavoro di pressing. Bonucci e Chiellini si conoscono a memoria, danno tranquillità e sono i veterani, le fondamenta del gruppo. L’intesa, l’esultanza, trascinano. Hanno vinto più di tutti e sanno trasmettere la mentalità. Vedere l’unione è molto bello, Mancini è il trascinatore: ha portato la mentalità e tutti l’hanno accettata. La serenità si è trasformata nella convinzione dei giocatori. Felipe è un grandissimo giocatore, se ne è andato e non è riuscito ad esplodere, ma qui ha fatto grandi cose. Può fare bene, conosce l’ambiente, può tornare il vecchio Felipe ma più maturo. Se ha ancora la voglia dentro di dimostrare sarà fondamentale. Mi piace osservare, voglio diventare allenatore, ho le idee chiare sul futuro, ma ora voglio giocare. Guardo le partite più con l’occhio tecnico tattico e non da tifoso. Klose diceva:” quando l’attaccante ha 3 volte” fortuna”, è talento “. È diventata anche la mia idea”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News