Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, quanti esuberi: rosa extralarge da sfoltire

Tare duro contro Spadafora: "Non sta aiutando il calcio italiano"

Coi tanti rientri dai prestiti, la rosa biancoceleste conta attualmente 46 elementi

Oltre al mercato in entrata, in questa sessione estiva, la Lazio dovrà lavorare bene anche in uscita. Coi rientri dai vari prestiti la rosa biancoceleste conta attualmente 46 elementi.

Nel reparto portieri, oltre ai due utilizzati da Inzaghi l’ultima stagione, si conta il rientro di Adamonis e la promozione di Furlanetto dalla Primavera, che prenderà molto probabilmente il ruolo di terzo portiere al posto di Alia, in scadenza di contratto, mentre il lituano dovrebbe partire nuovamente.

Molto più affollato il reparto dei difensori. I terzini, in attesa di acquisti, sono 11, ma solo in 3 sono destinati a partire verso il ritiro (Lazzari, Marusic e Kamenovic). Si cerca una sistemazione per Durmisi, Casasola, Fares, Lukaku e Falbo, mentre in bilico restano Ndrecka, tra i più positivi in Primavera e con la possibilità di partire in prestito, Jony, che ha richieste in patria ma potrebbe essere valutato da Sarri, e Patric, in scadenza nel 2022. Dopo 11 anni saluterà Lulic, il cui contratto non sarà prolungato. Anche per quanto riguarda i difensori la situazione è ingarbugliata: sicuri di rimanere solo Acerbi e Radu, prossimi al prolungamento. Potrebbe rinnovare anche Luiz Felipe, mentre sono fuori dal progetto i vari Jorge Silva, Baxevanos e Kalaj. Valutazioni verranno fatte anche su Armini e Vavro. Via a zero sia Musacchio che Hoedt, che ha già sciolto il suo futuro legandosi all’Anderlecht.

A centrocampo la situazione è più delineata. Si ripartirà dai 3 pezzi grossi più Escalante e Cataldi, che saranno valutati in ritiro. In bilico Akpa, così come André Anderson. L’altro Anderson, Djavan, saluterà così come Maistro e Kiyine. Non verrà riinovato il contratto di Parolo, in scadenza come Minala, mentre si valuta il ritorno, ancora in prestito di Andreas Pereira.

Infine l’attacco, dove è intoccabile Ciro Immobile. Gli altri sono tutti in bilico. Addio scontato per Gondo, Palombi, Lombardi, Adekanye, Cerbara, Rossi, Cicerelli. In dubbio anche Muriqi, Caicedo e Correa, con Raul Moro che dovrebbe restare come jolly offensivo

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Lo conobbi al mare ad Anzio, proprio l'estate dello scudetto. Stava con tre amici su una 126 avana che praticamente gli faceva da cappotto. Io ero un..."

#CountdownToHistory, Immobile a un passo da Piola

Ultimo commento: "E pensare che c'è chi lo discute..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Tutto giusto cara Rita.... Anni IRRIPETIBILI e squadra INARRIVABILE"

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

Altro da Casa Lazio