Resta in contatto

News

Salernitana, Lotito: “Non escludo che Mezzaroma rimanga con una quota di minoranza”

Claudio Lotito, presidente della Lazio e della Salernitana, è intervenuto ai microfoni di ‘granatacento.com’ per parlare della società granata e del suo futuro

Ecco le sue dichiarazioni: Quando sono entrato al Comune ieri mattina ho provato una sensazione strana. C’era l’orgoglio per aver riportato la Salernitana in Serie A, ma anche il ricordo di quanto sia stata dura. Inizialmente facevamo le riunioni praticamente seduti su due scalini o in una sala attrezzata in fretta e furia, non capisco perché i tifosi si offendano quando dico che non c’erano nemmeno palloni: è una frase che serve solo a rimarcare in quale oceano di difficoltà dovevamo navigare in quella lontana estate del 2011″.

AMBIZIONE – “Dopo aver sfiorato i playoff un anno fa, ho chiamato il direttore sportivo, mio cognato e il nuovo tecnico Castori e ho detto a chiare lettere che volevo assolutamente andare in Serie A. È paradossale che una piazza che è sempre stata il dodicesimo uomo abbia vinto con lo stadio chiuso, questo deve portare a riflettere. L’estate scorsa qualche giocatore è stato offeso sui social e ha preferito andar via, a molti calciatori in trattativa dicevano di scappare perché non pagavamo gli stipendi e non avevamo ambizioni. Proprio per questo credo che chi ha sempre creduto in noi oggi sia doppiamente felice e orgoglioso, non vi eravate sbagliati”.

FUTURO – “Abbiamo l’obbligo di lasciare la società in mano a persone che non disperdano quanto abbiamo fatto e che mettano in campo gli stessi sentimenti e le medesime risorse economiche. Valuteremo se cedere una parte del pacchetto azionario o il 100% delle quote, ci sono gli avvocati che stanno lavorando e comunicheremo le novità non appena sarà possibile. Non escludo che mio cognato possa rimanere con una quota inferiore al 50% per non esercitare un controllo diretto e incisivo“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News