Resta in contatto

Settore giovanile

Lazio Primavera, altra caduta: al Fersini passa la Juventus

Altra sconfitta per la Lazio Primavera e corsa salvezza che non si smuove. Al Fersini passa la Juventus.

Di Simone Brisi

Al Fersini di Formello è 1-2 per la Juventus contro la Lazio Primavera. Gli aquilotti partono bene ma a segnaresono gli ospiti con Chibozo al quarto minuto su assist di Sekulov. I biancocelesti creano più occasioni dei bianconeri, con Moro che due volte cerca il gol di testa ma non trova la palla. Juve che nei primi 45′ attacca di rimessa, ma non crea particolari problemi a Furlanetto, tranne per un tiro di Sekulov, parato a terra dall’estremo difensore laziale.

Nella ripresa la Lazio trova la rete del pareggio con Andrea Marino, ma la Juventus torna subito avanti grazie a Iling. Girandola di cambi per entrambe, con Omic, chiamato in causa da Bonatti, che per due volte impensierisce Furlanetto. Ci provano anche Raul Moro, che sfiora l’incrocio dal limite, e Castigliani, che dalla trequarti trova il portiere bianconero (al rientro tra i pali dopo un’uscita a vuoto) reattivo.

Finisce così, con la Lazio che non riesce ad approfittare delle sconfitte di Bologna e Fiorentina e mantiene invariata la classifica in zona retrocessione, coi biancocelesti sempre inchiodati al terzultimo posto a quota 19 punti

Tabellino:

LAZIO (3-5-2): Furlanetto; Pica, Adeagbo (66′ Shehu), Franco; Floriani Mussolini, A. Marino, Bertini, Czyz (81′ Tare), T. Marino (75′ Cerbara); Raul Moro, Castigliani.
A disp.: Peruzzi, Zappalà, Cesaroni, Nimmermeer, Tare. All. Leonardo Menichini

JUVENTUS (4-3-2-1) : Garofani, Mulazzi, Riccio, Nzouango, Ntenda; Miretti, Barrenechea (79′ Omic), Sekulov; Iling (84′ Fiumano), Soulé (79′ Turicchia); Chibozo (64′ Cerri).
A disp.: Senko, Raina, Leo, Sekularac, Cotter. All. Andrea Bonatti

Marcatori: 4′ Chibozo (J), 54′ A. Marino (L), 58′ Iling (J)

Ammoniti: Ntenda (J), A. Marino (L), Czyz (L)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Settore giovanile