Resta in contatto

Rubriche

Lazio, se la giustizia è giusta solo quando colpisce i rivali… #ErcoLazio

Il presidente riceve il premio

Lazio, nuovo appuntamento con #ErcoLazio

A cura di Daniele Ercolani

Sulla questione tamponi, la Lazio ha evitato la stangata e la vicenda sembrerebbe prendere una piega meno amara.
Tutto abbastanza chiaro, non c’è colpa tale tanto da togliere punti in classifica e sanzionare pesantemente i biancocelesti, come invece chiedevano – e speravano – in molti. Come ha scritto il direttore di TuttoMercatoWeb.com, il ‘caso tamponi’ è stato ‘un bluff’, un classico del “punchingball” Lazio. Siamo ormai abituati, ma ogni volta fa male.

Il punto però è un altro: sui social o nelle piazze della città, purtroppo semideserte, si respira malcontento per la “grazia” ricevuta da Lotito nei confronti della sua squadra.
Soprattutto perché in tempi molto recenti, l’altra squadra della Capitale è stata punita dalle autorità per l’errore sulla lista di gara (Verona-Roma), peraltro regola sempre – sempre – esistita e che nulla c’entra con il protocollo creato per l’anomalia Covid.
E qui nasce il vero nodo di discussione: ora la giustizia sportiva non è più affidabile?

Per anni, decenni, da quella parte ci si è fatti belli a causa delle condanne inflitte alla Lazio tra calcio scommesse, arresti in campo e fuori, nonostante nella maggior parte dei casi siano stati tutti assolti…e ora? Ora il sistema non è più affidabile e si grida al classico complotto? Non ci siamo.
Wilson e Giordano furono squalificati e poi assolti perché all’epoca funzionava così, bastava essere indagati per essere automaticamente squalificati a livello sportivo.

Quando diedero il famoso -9 alla Lazio, nessuno si lamentò, anzi Essi si vantavano di essere la parte pulita della città, ovviamente rimuovendo la mitica valigetta di Vautrot, il finale del campionato ’72-’73 e altri episodi quantomeno equivoci. Ma loro sono la parte lesa, si sa.
Mauri fu arrestato e (ovviamente) rilasciato per un fatto che poi si è sciolto quasi in polvere dopo l’assoluzione di Milanetto (e si trattava di un reato di omessa denuncia…)
Però in questi casi, secondo Essi, “giustizia fu fatta”.
Oggi, dove la Lazio è stata totalmente investita dalla macchina del fango (e per fortuna qualcuno lo dice), ci si fa lesi – al solito – e offesi dell’esatto contrario.

Un po’ di coerenza. Se ci si affida ciecamente alla giustizia quando le condanne arrivano agli avversari, cerchiamo di accettare i verdetti anche quando gli avversari risultano innocenti.

E poi attenzione, parliamo di accuse che per prime danno degli incoscienti agli addetti ai lavori biancocelesti. E’ veramente difficile non capire che lasciando consapevolmente in gruppo giocatori positivi (mai successo!), la Lazio rischiava di creare un focolaio in casa propria e auto-contagiare membri staff e squadra.
Quindi, siamo seri anzi siate seri.
La giustizia che piaceva quando bastonava la Lazio – con già Lotito presidente – deve piacere anche oggi.

C’è solo un (grande) appiglio che si può dare a chi ora grida allo scandalo: la cattiva informazione.
Troppi titoloni hanno invaso carta e web facendo credere e sperare il peggio per la Lazio, mostrandola palesemente colpevole prima del giudizio.
Questo ha creato tanta confusione che ha portato a capire poco rispetto a quanto accaduto.
Quindi, riordiniamo le idee e smettiamola di “attaccarci al fumo della pipa” come ci fu consigliato da qualcuno tempo fa. Perché forse aveva ragione.

23 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
23 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

Per questo motivo non ho mai seguito il calcio, non è più Sport ma soltanto BUSINESS. Sistema marcio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 giorni fa

acronimo tempo reale

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 giorni fa

la vostra “giustizia” è quella di non penalizzarvi dopo aver “furbescamente” fatto fare i tamponi ad Immobile e soci prima di Toro-Lazio per poi rivederli prima di andare a giocare in Europa ( dove vi avrebbero arrestato ) ….o quella della Lega che sceglie come giudice l’ex avvocato difensore della Lazio ai tempi di calciopoli….o quella di condonarvi il fallimento societario facendo spalmare il debito nei secoli a venire….mettete i Casamonica in federazione che fate prima e sareste più credibili

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Ma loro sono sempre innocenti come quando

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Si scrive la pensate…. Ma poi cosa importa tanto a cosa volete pensare senza un briciolo di cervello….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

ha ragione! la giustizia e’ giusta solo quando colpisce i rivali..ovvero la juventus. li tutti concordi,felici ad urlare” la giuvve ruvva,lo dicono i giornali e le tv”.nessuno a porsi domande,nessuno che cita i regolamenti,anzi ” e’ colpevole nonostante i regolamenti lo assolvano” niente di niente…poi quando tocca agli altri ” i giornali mentono!i regolamenti dicono che…”

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Semplicemente ridicoli.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Lotito pregiudicato nuovo MOGGI

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Dovreste fallire con 800 ml di buffi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Ve fa’ dormi’ male

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Poracci sti peperoni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

non hanno dato il 3 a 0 alla Juve e nemmeno al Sassuolo e lo devono dare a voi?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Come al solito il vero boss della FIGC se la cava con un nulla di fatto….ma non bisogna sorprendersi, chi ha potere in italia la svanga sempre, ve rimane solamente farvi dare lo 0 a 3 a tavolino contro il toro e la farsa è conclusa.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Semplice lineare corretto👏👏👏👏

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Piangete e vergognatevi siete vomitevole..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

ma quanto sono lunghi questo articoli non ho finito di leggerlo, cmq a noi interessa il calcio non i fatti processuali ed amministrativi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Forza romaaaaaa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Lo scandalo tamponi in regione Sicilia aveva’ pressappoco la stessa intenzione del sig. Lotito ? Quella di fregare? Chiedo x un amico..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Ma non ci potete rimanere male siamo in Italia qui funziona tutto al contrario l’importante che fai quello che non c’è scritto sui protocolli.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

Impeccabile

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

👏🏻👏🏻👏🏻

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

Lotito è una vestale bianca in confronto a chi si trova alla sua destra! Lo L’INCAPACE SPORCO E SUBDOLO elevato all’ennesima potenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

Era bono

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Rubriche