Resta in contatto

Rubriche

Gasperini, i gol “balordi” e Farris il giustiziere: game, set, match

Mica...mi sta bene

Anche ieri Gasperini non è riuscito ad ammettere la superiorità della Lazio e allora ‘Mica… mi sta bene’

Di Micaela Monterosso

Ammenda: riparazione di una colpa commessa o risarcimento di un danno recato ad altri. Fare ammenda di una colpa: riconoscerla e ripararla.

Lo ammetto, forse con il povero Gasperini ho calcato un po’ troppo la penna, nella mia ultima rubrica. Nei giorni precedenti, c’ho pensato. Magari, ho usato aggettivi un po’ troppo forti.
Per uno come lui, poi. Così posato, così intellettualmente onesto e, soprattutto, mai incline a cercare la lite.
Ho aspettato la fine della seconda sfida settimanale per poterne parlare ancora, anche per dargli modo di farmi ricredere e di rafforzare la mia volontà di scusarmi.

Siamo tornati a Bergamo, Simone ancora senza voce (ormai non fa più nemmeno notizia), Gian Piero con il sorrisetto mefistofelico di chi già pensa di aver vinto. C’ha pensato Marusic a metterlo a tacere; neanche il tempo di far disporre in campo i suoi, che già stavano sotto di una rete (e che rete!!!). L’ho detto la scorsa estate, quando Adam è in forma, non ce n’è per nessuno. Raddoppia Correa (Tucu, ti posso insultare tutte le settimane? Porta bene, dai) con un’azione che – giuro – pensavo finisse “alla Correa”. Un centimetro fuori dalla porta. Invece no. Si è portato a spasso Gollini e lo ha rimbambito a tal punto che ancora gli gira la testa. E, a proposito di testa, chi mi ha ascoltata quando dicevo che Muriqi si sarebbe sbloccato? Ecco, la testa è fondamentale. Il Pirata è tornato ed è qui per restare. Detrattori, dove state? Ah, giusto, state insultando Hoedt, scusate.

Tornando al mio allenatore preferito (sto sempre facendo ammenda, seguitemi), con l’aplomb che lo contraddistingue, si sbraccia e sbraita per quasi tutta la partita. Con chi ce l’avesse, non si sa. Chi dice con il sole, che ha oscurato la visuale a Gollini. Qualcun altro giura di averlo sentito dire: “Mano!! L’ha presa con la mano!!!” Peccato che parlasse di Pepe Reina che, tra l’altro, non ha toccato un pallone. Ho anche avuto il sospetto che in porta ci fosse Alia, per quanto poco si è visto. (Pepe, sto scherzando eh? Che qui se non specifico domani finisco alla gogna sul sito del Comitato portieri che giocano con i piedi come gli attaccanti).

A fine partita, mi sono detta: “Dai, Micaela. Vedrai che oggi Gian Piero ammetterà che la sua squadra non ha strusciato un pallone manco per sbaglio e che la Lazio ha meritato la vittoria. Dai, non partire con il pregiudizio. Sei tu che sei prevenuta con quel pover uomo…”. Voi lo avete sentito il post partita di Gasp? Se cercate sul dizionario la definizione di onestà intellettuale, non troverete sicuramente la sua faccia. I nostri gol sono stati “balordi”. Noi siamo nervosi perché “contro di loro perdiamo sempre e arriviamo dietro in classifica”. A Trigoria sarebbe perfetto, mi pare abbracci le caratteristiche ricercate per guidare la compagine di Essi.

Ora, Gian, io c’ho provato. Ma sei tu, non sono io! Siccome però ho deciso di fare ammenda, non ti dico nulla. Va bene così. Ti assecondo, come si fa con i bambini. Mentre io cercavo le parole più adatte per concludere questa rubrica senza offendere la sensibilità altrui, ecco che arriva lui. Farris. Il giustiziere. Il sostituto ad interim di un Simone Inzaghi sempre più svociato. Sostituisce “insomma” e “spiaze per i ragazzi” con “Nervosi? No. Forse sono nervosi loro per quella Coppa Italia che è in bella vista a Formello”. Ha detto tutto. Ha detto quello che ogni laziale avrebbe voluto dirgli, magari meno pacatamente. Da vice di Simone, è diventato l’idolo della tifoseria, tutta. Il milanese laziale, quello che non ti aspetti viva la trasferta di Bergamo con tanto livore. Uno di noi. Decisamente uno di noi.

Game, set, match.
Grazie Max.
Baci Gasperì, ci si rivede l’anno prossimo (forse).

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Marcello Parsi
Marcello Parsi
1 mese fa

Vorrei far notare al sagace e arguto Gasperin0 che solo una squadra di balordi può subire tre gol balordi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Adoro questa ragazza:

“Detrattori, dove state? Ah, giusto, state insultando Hoedt, scusate”
Top👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻

Antonella
Antonella
1 mese fa

Micaela, sei bravissima. Scrivi come pochi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

T O P💯💯💯💯

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Toppp

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

😁

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Rubriche