Resta in contatto

Approfondimenti

Che segnale sarebbe vendere Caicedo

Lazio, la cessione di Caicedo avrebbe un minimo di senso solo se poi venisse acquistato un buon difensore centrale

Di Daniele Ercolani

Il mercato è fatto di opportunità. Non si deve generalizzare e va sempre capito, tra le righe, il senso di un’operazione.
Negli ultimi anni, questo è un fatto, la Lazio non si è privata dei sui pezzi migliori. Ha piano piano costruito una buona squadra che ancora manca di qualche tassello.

Nella sessione invernale, non ha mai brillato dai tempi di Candreva, grossa intuizione di Tare. È una politica: le squadre si costruiscono in estate (nel nostro caso ad agosto) e si spende la stagione cercando di valorizzare quanto investito. Come è anche vero che nella sessione “natalizia” i trasferimenti sono spesso scambi tra riserve.

Ma indebolirsi sarebbe troppo.

L’altra faccia della moneta vorrebbe che come non si mettono dentro giocatori di un certo tipo a gennaio, non se ne perdono di titolari. E oggi Caicedo è un titolare, fino a prova contraria: gol, ottime prestazioni e garanzia di un cambio di spessore in qualsiasi competizione.

Come dicevamo sopra, il mercato è fatto di opportunità. Si vociferano fino a 9 milioni e certamente sarebbe un prezzo alto vista l’età, il momento storico e la sessione di riparazione.
Ma un conto sarebbe stato metabolizzare una cessione con una progettualità: esce Caicedo, entra Muriqi (a caro prezzo).
Un conto è che mentre Muriqi non decolla e il Panterone va meglio del suo “titolare” Correa, per opportunità (appunto) si vende il giocatore col rendimento migliore, in un periodo delicato e forse nelle settimane che decideranno parte della stagione.
Dopo il Parma, la Lazio avrà il derby e la Coppa Italia, oltre che la sfida già estremamente complicata contro il Bayern.

Correa non è rientrato, Muriqui non è ancora esploso, Pereira è tutt’altro tipo di giocatore e viene ceduto Caicedo?

Quali possono essere le motivazioni valide – e soprattutto accettabili – per una mossa del genere che va contro le abitudini della società?

Se Caicedo premesse per andare via, avrebbe senso. Anche se l’esultanza di mercoledì rassicura e la squadra di destinazione farebbe la differenza. Perché alla Fiorentina certamente giocherebbe titolare, all’Inter no. Quindi andare altrove per non giocare non sarebbe una mossa sensata.
L’altra pista – molto percorribile – è quella di salvare “capra e cavoli” come si dice. Cioè tramite la cessione ci Caicedo a prezzo rialzato, automaticamente si creerebbe più spazio per Muriqi – che per innescarsi ha bisogno di minutaggio – valorizzando la spesa sostenuta ad agosto. A livello aziendale ci siamo, ma a livello sportivo?

La società ha il dovere di pensare alla cassa e se siamo arrivati dove siamo è anche perché la S.S. Lazio è sana. Ma allo stesso tempo va tutelato l’aspetto sportivo.
Quanto ci rimetterebbe economicamente la Lazio a “resistere” fino a giugno per poi piazzare Caicedo a qualche milione di meno, magari però ottenendo qualcosa in più attraverso i risultati? Questo è difficile da stabilire perché gli incassi veri passano per la Champions e per quanto forte Caicedo potrebbe non bastare col Bayern Monaco.
Remi in barca o strategia?
Vista la piattezza attuale, vendere un pezzo forte potrebbe avere il sapore della resa troppo in anticipo come allo stesso tempo potrebbe dare la fiducia necessaria a Muriqi per dimostrare quanto vale.

Una cosa va detta: il primo Caicedo non piaceva proprio come il primo Muriqi. Gli si è dato tempo e fiducia e ora si spera nei suoi gol e nella sua permanenza: una cessione dolorosa potrebbe far ripetere questa bella fiaba.
Un altro scenario, completamente diverso, potrebbe apparire se la cessione di Felipao sblocchi l’acquisto di un difensore di buon profilo. In questo caso, razionalmente, allora tutto avrebbe più senso.

Cedo dove ho da valorizzare, compro dove sono in sofferenza.
A quel punto, col fazzoletto pronto, la cessione della Pantera potrebbe essere metabolizzata.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

La considero una assurdità…☹️

Ruggero
Ruggero
4 giorni fa

Spiegatemi voi che senso ha aver investito su Muriqi???
Caicedo sarà venduto(purtroppo), altrimenti non possono giustificare i soldi spesi x muriqi, quando bastava rinnovare a Caicedo e comprare Kumbulla e Smolling,avresti lottato sicuramente x lo scudetto, ma sti 2 scienziati proprio da noi dovevano veni?????
Parlo di sport no di quello che finisce nelle loro tasche…….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

No 🙏

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

8 milioni non ti cambiano granché, mica sono 40! Cedere caicedo sarebbe solo un indebolimento della rosa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

Concordo. Per me non ci sono i presupposti per la cessione. Soprattutto in QUESTO momento, prima di sfide cruciali, con lui che segna e dimostra attaccamento alla maglia.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

“solo se poi VERREBBE” non si può leggere rega… 🤣Cmq IL PANTERONE NON SI TOCCA.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

Giusto. Poi giochiamo con Cassa-Muriqi come coppia d’attacco.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti