Resta in contatto

Giulio Cardone

Genoa – Lazio, le Cardopagelle: Luis, secondo tempo irritante. Bene Sergej

Genoa – Lazio, le pagelle della partita a cura del direttore Giulio Cardone

 

Reina 6

Serviva un miracolo su Destro, per quello ancora non si è attrezzato. Preciso con i piedi, non è bastato.

Patric 6

Un solo errore, gli costa il giallo e la sostituzione. Per il resto primo tempo in costante sostegno alla manovra, la Lazio dominava senza problemi e nulla lasciava pensare alla ripresa disastrosa.v

Acerbi 6

Lui si spinge in attacco su corner e la Lazio in contropiede subisce il gol. Prima e dopo, i soliti interventi perfetti, spesso in tackle, anche per salvare situazioni pericolose. Rientro fondamentale, ma la Lazio non riesce lo stesso a tenere la porta imbattuta: il difetto dell’anno

Radu 5,5

Primo tempo da vero Radu, eccellente in entrambe le fasi. E resta tra i più lucidi nella ripresa, nonostante una palla persa in zona pericolosa. È vero che dal suo cross, respinto dalla difesa, nasce l’1-1, ma sinceramente non mi sento di punirlo per questo: non è certo Stefan il responsabile del pareggio.

Lazzari 5

Solite scelte sbagliate: con l’area piena di giocatori della Lazio, lui tira (in curva); poi nella ripresa ha un assist facile da servire a Caicedo e stecca. Così vanifica i mille scatti e l’impegno costante. I noti difetti, insomma, ma stavolta hanno un peso decisivo sul risultato.

Milinkovic 6,5

A me è piaciuto tanto, non solo per il rigore che si è guadagnato, la punizione ben calciata, l’assist a Immobile che poteva firmare il raddoppio. Su un campo orrendo, le sue giocate avevano sempre un senso ed erano tecnicamente perfette. Sbaglia quella che poi costringe all’ammonizione Leiva, vero, ma lo avrei lasciato comunque in campo: infatti il Sergente uscendo scuote la testa. Nettamente il migliore di un centrocampo che oggi nella ripresa non ha funzionato.

Leiva 5

Primo tempo confortante, massimo risultato col minimo sforzo, poi nella ripresa il crollo. E nel contropiede del pareggio, invece di “scappare” all’indietro, resta bloccato e si fa saltare facilmente da Shomurodov, attaccante di spessore (per fortuna Ballardini lo ha inserito solo nella ripresa…), e Lucas a quel punto non si gioca neanche il “giallo”. Che prenderà qualche minuto dopo: era diffidato, salterà la Fiorentina.

Luis Alberto 5

Buon primo tempo, a parte la punizione tirata malissimo, ripresa irritante. Al punto che Radu a un certo punto deve invitarlo ad aiutare di più in copertura. Spesso anticipato, si crea solo un’occasione e la spreca per tirare, mentre sarebbe stato meglio il passaggio a centro area. Sembra ingolfato da problemi fisici, altrimenti un secondo tempo così non si spiega.

Marusic 6

Parte male, poi si rinfranca e gioca una buona gara sulla sua fascia, in entrambe le fasi: però deve osare di più, arrivare più spesso sul fondo. Un altro bel cross di sinistro, stavolta per Milinkovic.

Caicedo 6

Primo tempo a guadagnare punizioni (i difensori del Genoa non sapevano come fermarlo), ripresa ad aspettare palloni: ne arriva uno dalla sinistra, il Panterone non inquadra la porta. Ma sempre utile, importante, altruista.

Immobile 6,5

Gol numero 140 con la Lazio, conferma lo slogan “Con Ciro si parte da 1-0”. Il guaio è che a questa Lazio non basta andare in vantaggio. A segno da 11 trasferte consecutive. Di più: 14 reti nelle sue ultime 14 presenze. Il neo: corre troppo, si stanca e non va bene. E forse poteva fare meglio sull’assist di Milinkovic nel primo tempo, ma è una macchina da gol, non un robot.

Luiz Felipe  5

Entra bene, però nell’azione del gol si fa beffare da Destro: decisivi quei due passi verso Shomurodov, mentre doveva pensare solo al centravanti che poi andrà a segno. Se giochi poco per i noti problemi fisici (la caviglia non è perfettamente a posto), certi automatismi li perdi, certe letture non sono più naturali.

Escalante 6

Sbaglia solo la prima apertura, poi copre bene la difesa e cerca di rendersi utile in regia. Con la Fiorentina toccherà lui giocare al posto di Leiva.

Muriqi  5,5

Solo impegno e qualche spizzata di testa. Non si sblocca.

Pereira  5,5

Il fisico leggero lo penalizza quando la partita è ormai solo una battaglia muscolare. Nulla di rilevante, purtroppo.

Akpa Akpro  SV

Inzaghi 5

Ballardini cambia la partita con due mosse, modificando il 3-5-2 in 3-4-1-2 e inserendo Zajc (trequartista) con Shomurodov (attaccante): la Lazio va in difficoltà e dalla panchina non arrivano indicazioni per riprendere in mano la partita. Il mister deve inventare qualcosa di nuovo, la squadra è diventata monocorde e prevedibile. Con la partita in pugno, poi, pecca di superficialità e non chiude la gara. Prima la Lazio sul gol del vantaggio costruiva vittorie, ora è incapace di proteggerlo e troppo spesso si fa rimontare. Non mi convince neanche la sostituzione di Milinkovic, era il migliore. Di buono c’è il primo tempo, a tratti si è rivisto il gioco dell’anno scorso, ma le partite durano 90 minuti. Serve una scossa, assolutamente.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Ruggero
Ruggero
1 mese fa

Purtroppo abbiamo 4 giocatori e mezzo, immobile, milinkovic, Luis Alberto e acerbi e mezzo Leiva, il resto tutta monnezzola compreso Lazzari che è soltanto un corridore non ha fondamentali, non sa tirare e non sa crossare, stoppa i lanci lunghi di piatto e non calcia mai di collo interno, salta l’uomo solo se in velocità.
Gli acquisti di quest’anno deleteri, la squadra è indebolita e i big lo hanno capito, fanno l’extra soltanto nei grandi match x orgoglio

ANTONIO
ANTONIO
1 mese fa
Reply to  Ruggero

Pensa solo come siamo cambiati sulle fasce. Avevamo Lulic e Candreva che facevano le catene di destra e sinistra in avanti e in difesa. Candreva sembrava a molti modesto nei cross e Lulic migliorabile. Infatti adesso siamo migliorati. A sinistra non c’è nessuno se non Marusic che è un destro e a destra c’è Lazzari che sta al calcio come il formaggio all’astronomia.

Fabrix
Fabrix
1 mese fa

Caro Cardiopalma, la difesa e’ da rifondare, alcuni giocatori sono troopo avanti con gli anni, gli acquisti non sono all’altezza (troppi errori negli ultimi anni). Se il sig. Luis Alberto vuole continuare a giocare con noi deve metterci piu’ grinta. Altrimenti chieda la cessione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Come bene sergei, avete visto la partita su PS5

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Secondo me Cataldi andrebbe utilizzato di più.

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa

Sì, secondo me anche Akpa Akpro !! Saluti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Giulio Cardone Il cardovoto al mercato estivo non lo aggiorniamo più???🤔🤔🤔 #tareout #giocatorisvegliateve

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa

Sarebbe bastato poco… Gli INVESTIMENTI SOCIETARI SONO TROPPO ESIGUI… INZAGHI, A MIO AVVISO, SI DOVEVA DIMETTERE SUBITO, PER COERENZA ALMENO !!! Ciao

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa

SI È CHIUSO, MOLTO PROBABILMENTE, UN ‘CICLO’, SIA PER INZAGHI CHE PER TARE E LOTITO… P.s Il tempo sarà “galantuomo” nel mostrarci gli sviluppi… SALUTI AI LAZIALI 🌠

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Giulio Cardone