Resta in contatto

Parola ai tifosi

Caso Zaniolo: quanto durerebbe alla Lazio uno che usa i social come strumento di popolarità extracalcistica?

Lazio - Roma, Zaniolo e Luis Alberto

Il caso Zaniolo sta riempendo giornali e siti sportivi, svuotati dal fermo dei campionati e da un mercato che non decolla.

Di Daniele Ercolani 

In qualche modo “ha fregato” anche noi, dato che ne stiamo parlando.

Si, ci ha fregati perché non ha niente a che vedere col calcio giocato. Quello che fa, non fa, combina Zaniolo fuori dal campo non dovrebbe essere di interesse comune, su questo hanno ragione i suoi fans.  Che ne sappiamo, magari anche i giocatori degli anni 80 facevano le loro marachelle, eppure senza social e senza bombardamento informativo i segreti restavano al loro posto.

Però, c’è un però.

Questo tipo di avvenimenti e successive speculazioni generano reazioni. Reazioni totalmente diverse che possono alzare o mandare a picco esponenzialmente l’opinione su un calciatore. Già sono pronti i vari schieramenti: per primi i benpensanti, quelli che non vedono l’ora di gridare allo scandalo, alla discriminazione e al sessismo che in questo caso andranno addosso a Nicolò.
Poi ci sono i complottisti (grossa arma) che utilizzeranno questo avvenimento per esaltare ancora di più (come se servisse) la figura di Zaniolo. Saranno coloro che diranno che il ragazzo è stato messo in mezzo, che la stampa sta strumentalizzando e che tutto sommato ognuno fa quel che vuole della propria vita privata. Soprattutto, saranno quelli che vedranno l’attacco a Zaniolo come un attacco alla Roma (o forse creare una “vittima” può essere qualcosa che andrà a favore della Roma anche in caso di cessione?).
In ogni caso, la perplessità di tutti sarà sulla condotta in generale del ragazzo. Perché la news del momento non è il primo rumors che lo riguarda: prima l’intervista a Le Iene, poi la sigaretta questa estate e il ritardo sanzionato in Nazionale. Insomma, Zaniolo sembra cadere continuamente nella trappola del gossip.
Verità? Marketing?
Tanti anni fa qualcuno disse “purché se ne parli”, ma dato il talento e la già incontenibile popolarità del ragazzo, questo tipo di avvenimenti tendono più a penalizzarlo che a renderlo ancora più famoso, anche se essere vittima dei media fa sempre comodo.

La questione che apre un dibattito è forse un’altra: un giocatore di calcio nel 2021 può comportarsi in modo libero e deliberato come se fosse una persona normale?
No. Perché non sono persone normali, comuni.
Oltre a far parte dello star system hanno milioni di follower (che portano guadagno) ed è come se vivessero in un costante Grande Fratello Vip.
Oggi un calciatore è un atleta ma soprattutto è influencer, personaggio noto e pubblicità vivente. Quindi, a differenza dei giocatori anni ’80 che dicevamo, come può essere fonte di (illimitato) guadagno scattarsi una foto con il marchio giusto, può essere devastante condividere o farsi “pizzicare” in condizioni non ottimali.

Però ci sono anche giocatori che senza aver fatto nulla ricevono attacchi trasversali da stampa, televisione e opinionr pubblica. Perchè nonostante la Lazio a giochi fatti avrebbe molto da recriminare riguardo il trattamento ricevuto nella storia tamponi (giocando in partite chiave senza giocatori importanti), fu a dir poco sconcertante come Ciro Immobile venne etichettato dopo il “malinteso”.

Venne messo in discussione tutto: lo staff biancoceleste, il laboratorio di analisi, la buona fede della società e soprattutto l’immagine di Ciro che in ogni caso invece non avrebbe avuto responsabilità. Anche in caso di esiti “sbagliati” , che responsabilità avrebbe avuto il calciatore? Eppure ci fu chi attaccò personalmente il bomber laziale, dicendo che la sua immagine non era bella come le sue prestazioni in campo.
Per fortuna, alla fine si è sistemato tutto ma sta di fatto che Immobile è uscito da una situazione spinosa senza aver diritto di replica se non in campo davanti all’ennesimo attacco (gratuito) da parte dell’opinione pubblica.

In sostanza: vittime, innocenti o colpevoli questa è l’altra faccia della popolarità moderna.
Di quanti campioni (Del Piero, Nesta, Maldini) sappiamo ben poco della vita pubblica? E di quanti sappiamo troppo ed è stata fonte di grande popolarità (Balotelli su tutti)?
Quindi, i social sono armi a doppio taglio che possono essere usate in maniera diversa.
A loro la scelta.

Nel mondo Lazio abbiamo avuto episodi scomodi con Luis Alberto e Acerbi.

Ma quanto durerebbe in una società come la Lazio un giocatore che usa i social come strumento di popolarità extra calcistica?

26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
26 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

La riomma è come odeon, tutto quanto fà spettacolo

ANTONIO
ANTONIO
2 mesi fa

Altro a cui pensare

Gabriele
Gabriele
2 mesi fa

Balotelli ci ha costruito una carriera sull’apparire e non sull’essere. Quindi Zaniolo ha preso spunto e sta tentando di emulare le gesta del bresciano.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

ve piacerebbe

Ruggero
Ruggero
2 mesi fa

La rovina de sto ragazzo è la mamma, donna infelice…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Farebbe il padrone con voi miserabili inutili e venduti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sotto Lotito si e no inizia ad aprire bocca

Antonio
Antonio
2 mesi fa

Meglio Facebook che william hill… Mauri docet

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Quando la volpe non arriva all’uva….
Ma si, voi c’avete l’aereo. Siete “er mejo” 💛❤️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Te occupati della tua bacheca che è vuota da 20 anni…….e in più co na mega coppa in faccia….buon anno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Un articolo ridicolo. Giusto una pagina della Lazio lo poteva proporre. Si fa il paragone della gogna mediatica tra uno che mette in cinta la ragazza (ora ex),e una società che che fa giocare i positivi con la complicità di una clinica amica. La verità processuale potrà anche dire altro,ma i fatti sono chiari. Occupatevi dei vostri scheletri che non vi bastano più gli armadi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Recriminare sui tamponi?aspetterei a sentirsi parte lesa c’è un indagine della procura… mi pare oppure si grida già al GOMBLOTTO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Laziase complessato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sui social scrivono solo che lotito non paga i giocatori…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Vorrei sapere cosa c’entra la Lazio col grande talento della Roma spigatemi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

AAAAHHAHAHAHA… Rosicatio!!!
😀

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Da come parla questo sembra il Real Madrid

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Una squadra che è ancora sotto giudizio per il covid, è stata sempre in mezzo agli scandali, ha avuto capitani e presidenti in galera chiede un giudizio sulla vita privata di un giocatore di un’altra squadra. Ci vuole coraggio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Troppo …perchè ne state a parlà…. non vale neanche un commento … e una considerazione …

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Farà la fine di Balotelli!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Si aspetta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Zaniolo visto che sta sempre a bocca aperta invece de scopa poteva lecca’…….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

laziesi ricordateve una data: 2028

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Zaniolo farà la fine di balotelli

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ma perché non pensate allo schifo di società che siete? Vi atteggiate a grande squadra ma non potete permettervelo…tanto Zaniolo in mezzo ai sorci non i viene!!! Tranquilli!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Hahahahahahhaaah schiavi di lotito

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Parola ai tifosi