Resta in contatto

Approfondimenti

Sampdoria-Lazio, diamo i numeri: statistiche e curiosità del match

Sampdoria-Lazio analizzata nella nuova rubrica di SololaLazio.it: numeri, statistiche e curiosità della gara di Marassi

di Daniele Caroleo

Sabato pomeriggio, allo Stadio Marassi di Genova, la Lazio affronterà la Sampdoria di Claudio Ranieri, per la quarta giornata della Serie A.

Per quanto mi riguarda questa partita ha sempre rivestito un fascino piuttosto particolare. Sarà che quella di Marassi, contro i blucerchiati, è stata la mia prima trasferta al seguito della Lazio da ragazzino: era il 1992 ed il match terminò con un pirotecnico 3-3, con doppietta (la prima in maglia biancoceleste) di Beppe Signori. Tra le curiosità di quella partita, inoltre, c’è da sottolineare che sulla panchina della Sampdoria sedeva un certo Sven Goran Eriksson, mentre i calciatori blucerchiati che quel giorno iscrissero il proprio nome sul tabellino dei marcatori, alcuni anni più tardi sarebbero approdati, con alterne fortune, proprio nella Lazio (Renato Buso, autore di un autogol, Roberto Mancini e Jugovic). Inoltre, un altro ricordo importantissimo che si lega a questa sfida è senza alcun dubbio la finale di Coppa Italia vinta nel maggio del 2009. Alla rete, nei primi minuti, di Zarate, rispose Pazzini, con la partita che si concluse con i calci di rigore ad oltranza, terminati con la parata di Muslera su Campagnaro ed il gol vittoria di Dabo.

In tutti i casi, giusto per iniziare a snocciolare qualche dato, complessivamente le gare ufficiali tra la Lazio e la Sampdoria risultano essere attualmente 108, con un bilancio decisamente a favore della squadra capitolina, con ben 51 vittorie a fronte delle sole 26 del club blucerchiato. Per altro, anche in quel di Genova, la Lazio risulta essere in netto vantaggio, per numero di vittorie contro la compagine di casa, con 19 successi contro gli 8 dei doriani. In totale, inoltre, sono 163 le reti segnate nei confronti tra le due squadre dalla Lazio, mentre la Sampdoria è andata a segno solo 114 volte. Nella passata stagione la Lazio ebbe la meglio sulla squadra genovese sia nella partita di andata che in quella di ritorno: al Marassi, nella prima giornata di campionato, la squadra di Inzaghi si impose per 3-0, con doppietta di Immobile e gol di Correa; all’Olimpico, invece, il risultato finale è stato ancora più netto, con il 5 a 1 dei biancocelesti, firmato da Caicedo, Bastos e la tripletta dell’immancabile Ciro. Quello di Roma, tra l’altro, è stato il primo, ed al momento unico, incrocio tra i due tecnici, Inzaghi e Ranieri, mentre l’allenatore biancoceleste (che, da giocatore, ha avuto modo di vestire entrambe le casacche) ha già affrontato la Sampdoria 9 volte in carriera, vincendo 7 volte e perdendo solo un incontro. Il bomber storico di questo confronto risulta essere l’attuale Commissario Tecnico della Nazionale, Roberto Mancini, che, avendo indossato le maglie di entrambi i club, ha realizzato 11 reti. Seguono, a ruota, con dieci marcature a testa, i già citati Giuseppe Signori (anche lui a segno con entrambe le casacche) e Ciro Immobile. Attualmente, invece, dal punto di vista puramente realizzativo nel corso del campionato, le due squadre sono appaiate a metà classifica con 4 reti all’attivo
segnate nei primi tre incontri di questa Serie A. Situazione leggermente diversa, invece, per quanto riguarda l’aspetto difensivo
complessivo, con la Sampdoria che ha subito già 7 reti (ed è, tra l’altro, la seconda squadra in campionato che concede più tiri, con una media di 18,7 a partita), mentre la Lazio ne ha incassato 5 (con una media di 10,3 tiri concessi agli avversari).

Infine, un altro aspetto da non sottovalutare assolutamente è certamente quello disciplinare, visto che attualmente la squadra biancoceleste risulta essere la squadra più sanzionata in Serie A, con 10 ammonizioni ed un’espulsione, mentre la Sampdoria è terza in questa speciale graduatoria, con 7 cartellini gialli subiti. Una partita, dunque, che si preannuncia anche piuttosto spigolosa, con la Lazio che vorrà riprendere il proprio cammino, dopo il pareggio casalingo contro l’Inter prima della
sosta, e la Sampdoria, alla ricerca del primo successo casalingo stagionale.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Approfondimenti