Resta in contatto

News

Diaconale: “Champions League traguardo di straordinario prestigio”

Lotito, Diaconale: "Agnelli e Cairo? Vogliono fargliela pagare"

Arturo Diaconale, nella sua rubrica social “Il Taccuino Biancoceleste” parla dell’ottimo risultato raggiunto quest’anno dalla Lazio.

Il portavoce della Lazio, Arturo Diaconale pubblica sulla propria pagina Facebook una nuoca puntata della sua rubrica “Il Taccuino Biancoceleste”. L’obiettivo raggiunto dalla Lazio quest’anno, sostiene, non era affatto scontato.

Non si poteva certo pensare di finire come Alice nel paese delle meraviglie biancoceleste a bere il tè col cappellaio matto dopo essere caduti nel buco seguendo il Bianconiglio. Eppure, con l’ingresso in Champions League, un risultato di straordinario prestigio è stato raggiunto. Tutto radicato nella storia di una squadra avvezza a lottare e ad attingere alle sue radici storiche.

Il tratto distintivo della S.S. Lazio è sempre stato quello di una forte emotività e di una grande e passionale energia. Ma mai come quest’anno ha dimostrato di possedere questa specificità insieme ad una straordinaria forza di tenuta e di reazione soprattutto di fronte al blocco del campionato a causa dell’emergenza Covid-19. I biancocelesti hanno compiuto uno sforzo ciclopico e lottato per giungere all’obiettivo del campionato ossia di entrare in Champions e mettere piede nel gotha del calcio europeo. L’importanza di questo slancio va riconosciuta. Poiché l’obiettivo non era per nulla scontato“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News