Resta in contatto

Parola ai tifosi

Grazie Simone

Quattro anni fa: il 3 aprile 2016 Inzaghi si prendeva la panchina della Lazio

Un elogio e un ringraziamento a Simone Inzaghi per la sua storia con la Lazio. Dal suo arrivo nel ’99 a oggi solo una parola: grazie.

di Massimiliano Venturi

Grazie Simone per quelle mani sulle tempie, quel viso distrutto, quegli occhi lucidi, che descrivono la prima chiusura di un cerchio. Quello aperto in una calda estate del 1999, quando arrivasti a Roma, su consiglio di un Mancini, già proiettato nel tuo futuro da manager.

Un inizio folgorante: Supercoppa Europea, Scudetto, Coppa Italia, Supercoppa Italiana poi molti alti e bassi, più bassi a dir la verità per colpa di quella schiena maledetta che ti ha costretto a chiudere in anticipo la carriera. L’inizio da allenatore delle giovanili, il dramma di Mirko e tu da “genitore” proteggi i tuoi ragazzi accompagnandoli nella loro crescita, con un pensiero fisso sul loro compagno scomparso.

I trofei iniziano ad arrivare anche in queste nuove vesti: 2 Coppe Italia, Supercoppa Italiana e anche uno scudetto perso ai rigori. Ma ecco la grande occasione della vita, Pioli perde malamente il derby e tu da laziale corri in soccorso della squadra.

Inizi davanti a tremila persone e porti al sicuro una nave che stava affondando. Ci metti tutto: cuore, voglia, lazialità e davanti alla telecamere affermi che la tua permanenza sarebbe giusta e anche meritata. Invece no, la Lazio sceglie Bielsa e decide di mandarti a Salerno a farti le ossa e tu anche li accetti, senza fiatare, ma quello stellone che di solito aiuta la Lazio stavolta decide di aiutare un suo figlio. L’argentino si rifiuta di venire e tu ricevi la chiamata tanto sognata. Non ci pensi neanche un secondo, dici di sì e torni a bordo di questa barca senza comandante.

Sono stati anni esaltanti, fatti di gioie e dolori, di coppe e di “furti”, di grandi prestazioni e anche brutte cadute ma tu sei c’hai sempre messo la faccia, sempre a difesa di quei ragazzi che per te continuano a essere figli.

In questo fantastico viaggio mancava solamente una cosa: la Champions League. Una competizione che tu conosci bene e che da giocatore ha vissuto parecchie volte. Ora ci siamo Simo, finalmente ci siamo riusciti, rilassa le tempie, asciugati gli occhi e riposa perché questa è solo una sosta, ci aspetta un nuovo bellissimo viaggio.

Io posso solo ringraziarti perché in quell’estate del 2016 hai scelto di dirci sì quando tutto il mondo ci voltava le spalle e ci diceva no.

Grazie.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Parola ai tifosi