Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Parola ai tifosi

Lazio, giù le mani dalla Banda Inzaghi: ora bisogna difenderla

Lazio - Verona, scenografia Curva Nord

Lazio, rispetto all’epoca pre Covid, l’ambiente biancoceleste è meno unito. E le polemiche verso la squadra, e i singoli, sono all’ordine del giorno

di Massimiliano “Max_883” Venturi

Non sono qui per scrivere l’ennesimo articolo che SoloLaLazio.it e il suo direttore mi fanno il regalo di pubblicare. Sono qui per lanciare un grido d’allarme: “Giù le mani dalla Lazio!“.

Sì, giù le mani dalla Lazio. E non lo dico ai soliti giornali, giornalisti o testate web, sono qui a dirlo a chi questa squadra dovrebbe difenderla: i tifosi, che in questi giorni stanno tenendo la squadra sotto attacco, rea secondo alcuni, di aver gettato al vento un’occasione che loro stessi si erano creati in tempi normali.  Si parla di mancanza di mentalità vincente, di giocatori che hanno giocato troppo alla playstation, addirittura sono riusciti fuori quelli che: “mi fanno pensar male, questi non vogliono andare neanche in Champions“. No signori miei, io non ci sto! Non ci sto perché questa squadra, che per alcuni un anno fa era una squadretta da ottavo posto, stava creando un miracolo sportivo senza precedenti, un miracolo che senza una pandemia mondiale probabilmente ci avrebbe portato a vincere uno scudetto.
Facile tifare cosi, eh? Tutto bello! Però purtroppo questo fattore imponderabile (credo che neanche il presidente lo avrebbe avuto in mente uno grosso cosi) ha fatto venire a galla i difetti che questa squadra aveva  ma che tramite delle scelte era riuscita più o meno a nascondere.  Passare da una partita a settimana a tre è già duro di suo poi se insieme aggiungiamo degli errori medici e atletici, ci ritroviamo al punto in cui siamo ora, con una Lazio versione Dorando Pietri.
Una squadra vicina al traguardo ma che non riesce a tenersi in piedi e ogni due minuti cade a terra. Solo che a differenza del maratoneta che aveva delle persone che cercavano di tirarlo su la Lazio si guarda intorno e non vede nessuno.
Tutti gli incitamenti, le belle parole sono sparite insieme alla condizione fisica e alle vittorie, ed ora con lo sguardo rivolto verso Torino si ritrova per l’ennesima volta a terra sfinita.  Non possono bastare tre sconfitte, per quanto dolorose a cancellare tutto quello che questa squadra ha fatto quest’anno, non bastano delle partite senza gol per dimenticare gli altri 29 che Ciro Immobile ha realizzato quest’anno. Ci sarà un tempo per i processi ma quel tempo non è oggi!
Ora dobbiamo solo metterci intorno a questo corridore sfinito e ritirarlo su per questo sprint finale, lo sprint che ci porterà in un sogno chiamato Champions League.
Io sono pronto a combattere… voi?
FORZA LAZIO.
1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Parola ai tifosi