Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Parola ai tifosi

Una settimana da dimenticare per Lazio

Immobile-luis-alberto-caicedo

In sette giorni la Lazio ha visto sgretolarsi sotto i piedi sogni e certezze. Si respira delusione nell’aria e si pongono domande.

di Giovanni Calviello

Sono bastati sette giorni, da sabato 4 a sabato 11 luglio, per rientrare in quel tritacarne a cui molti laziali sono abituati. Che, anzi, sembra quasi vitale per il loro stesso modo di essere tifosi.

Errori ne sono stati commessi e molti. Da una cattiva preparazione ai molti infortuni (resta un mistero come faccia uno ad infortunarsi pur restando fermo). Il fatto stesso che certi automatismi acquisiti nel tempo sono stati smarriti nel giro di tre mesi. Cosa che, invece, non è successa ad altri. Basta vedere come giocano Atalanta, Sassuolo o il Bologna. Ma tant’è. Quella Lazio, che aspirava al titolo (che probabilmente non avrebbe mai vinto comunque, considerando gli episodi favorevoli che ora stanno premiando la Juve) non c’è più.

Molti giocatori sono sulle gambe. Acerbi, Milinkovic, Luis Alberto, ma anche Immobile,
poco lucido sotto porta, Strakosha, da film horror sulle palle alte. Lo stellone favorevole sembra aver abbandonato i biancocelesti.

Sta bene. Ci sarà tempo per chi di dovere per interrogarsi. Adesso è il momento di stringerci intorno a questi ragazzi per conquistare quei quattro punti che mancano per qualificarsi in Champions. Poi arriverà il momento delle riflessioni e di alcune scelte da fare. Poi. Ora conta solo la Lazio. E basta.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Parola ai tifosi