Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, a Formello non si allenano Milinkovic, Jony e Leiva

Lazio, a Formello l’emergenza continua

E’ già giorno di antivigilia del match contro il Sassuolo per la Lazio di mister Inzaghi, che si è ritrovata a Formello questo pomeriggio. Un’ampia seduta video per tutti per studiare gli avversari, poi la squarda è scesa in campo dopo il lavoro di scarico di ieri a ranghi ridotti. Il tecnico biancoceleste deve ancora fare i conti con le tante assenze. Al campo centrale non si sono visti Milinkovic, Leiva, Jony, Patric, Correa, Marusic, Lulic e Raul Moro. La speranza è di recuperare i primi tre.

DUBBIO LUIZ FELIPE – Con Patric squalificato per i prossimi quattro turni, l’indiziato numero uno a rimpiazzarlo sarebbe stato Luiz Felipe, entrato nel secondo tempo di Lecce e appena recuperato da un problema muscolare. Le preoccupazioni però sono aumentate dopo la seduta giornaliera. Il brasiliano ha svolto il riscaldamento in gruppo, poi è rimasto sul campo adiacente per un differenziato, prima di abbandonarlo definitivamente. Domani giorno di rifinitura, le sue condizioni verranno nuovamente valutate e monitorate. In caso di forfait, al suo posto è pronto Bastos.

SPERANZA MILINKOVIC – Ma i problemi non riguardano solo la difesa, bensì anche e soprattutto il centrocampo. Leiva, rientrato dopo i fastidi al ginocchio, non è al meglio e oggi non è sceso in campo con i compagni. Stesso discorso per Milinkovic, che, nel secondo tempo di Lecce, ha giocato con un trauma alla caviglia che però non sembrava essere così grave. Sarà la seduta di domani a dire se è stato un semplice riposo precauzionale oppure qualcosa di più, per quanto riguarda il centrocampista serbo. In assenza di recuperi, insieme a Luis Alberto toccherebbe a Parolo e, soprattutto, a Cataldi, che sarebbe chiamato a un ulteriore sacrificio. A destra inamovibile Lazzari, sulla corsia sinistra da valutare invece Jony, oggi tra gli assenti. In caso di forfait scalda i motori anche Lukaku per una maglia dall’inizio. Pochi dubbi davanti, con Caicedo e Immobile dal primo minuto e Adekanye pronto a subentrare dalla panchina.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Casa Lazio