Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Consigli per gli acquisti

Alan Velasco, una nuova freccia dall’Argentina

Anche in tempi di epidemie non vi facciamo mancare le nostre chicche. Ecco il suo nuovo consiglio di calciomerato

Si ringrazia per la scheda il sito worldfootballscouting.com

Nome: Alan Velasco
Ruolo: Ala destra/sinistra
Data di nascita: 27/07/2002
Altezza: 170 cm.
Piede: Destro

Alan Velasco è uno dei talenti più limpidi e interessanti del settore giovanile dell’Indipendiente, fa parte della nazionale Under 17 guidata da Pablo Aimar, ha firmato un contratto con scadenza nel 2021, comprensivo di una clausola di 15 milioni di dollari.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Dotato di un fisico brevilineo, Velasco è un giocatore molto rapido, tecnico e abile nel dribbling, che sa essere bravo sia in fase di finalizzazione, ma soprattutto in quella di assistenza. Può garantire imprevedibilità alla manovra della sua squadra, con le sue accelerazioni e i suoi cambi di ritmo, purtroppo il suo fisico non da corazziere, lo penalizza nei duelli corpo a corpo, e per questo ha bisogno di irrobustire ulteriormente la sua struttura corporea.

Ha carattere e personalità, non a caso è stato capitano delle squadre giovanili dell’Indipendiente, in possesso di un buon tiro e di un cross preciso, Alan può svolgere il ruolo sia di ala sinistra che destra, ma puo’anche essere impiegato da esterno di centrocampo in n 4-4-2.

Farebbe comodo alla Lazio perché

Questo è un calciatore che nel gioco veloce di Inzaghi, nelle sue ripartenze offensive farebbe faville, certo stiamo parlando sempre di un 2002, che dovrebbe inserirsi e abituarsi al nostro campionato, ma il talento non manca, sarebbe un ottimo investimento per il presente e il futuro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Consigli per gli acquisti