Resta in contatto

Esclusive

Sgarbi a SLL: “Il Coronavirus mortale per l’economia italiana. Campionato? Falsato”

L’Italia e il suo popolo non stanno vivendo giorni spensierati. Il problema del Coronavirus sta mettendo in serie difficoltà alcune regioni della Penisola.

In esclusiva ai microfoni di SololaLazio.it è intervenuto Vittorio Sgarbi. Con lui abbiamo affrontato l’argomento Covid-19, ma non solo.

Il Coronavirus ha fatto sprofondare il popolo italiano nel terrore. Anche il mondo calcistico è alle prese con questo problema…

“A mio avviso l’Italia avrebbe dovuto comportarsi come altri paesi nella lotta al Virus. Invece raddoppiando i tamponi si è verificato che la popolazione sia andata incontro a più contagi. Questo fatto ci ha reso il terzo paese più pericoloso al mondo dopo Cina e Correa. Mi dispiace perché tutto ciò non corrisponde alla realtà. Bisognava raccomandare alle persone di stare tranquilli, questo non è avvenuto. Stiamo parlando di un’influenza più forte del previsto che non provoca morti, se non in pazienti con patologie gravi”.

Le Lega di Serie A ha optato per far proseguire il campionato a porte chiuse. La stessa decisione è stata presa dall’Uefa per alcune gare con protagoniste le società italiane. Lei è d’accordo con queste restrizioni? Oppure sarebbe stato meglio sospendere il calcio?

“La mia preoccupazione è proprio questa, mi spiego: il virus non è mortale ma farà morire l’economia. I tifosi delle avversarie italiane che sarebbero venuti in Italia avrebbero fatto girare l’economia. Chiaro che in questo momento siamo in una situazione d’emergenza, ma assolutamente evitabile. Non stiamo parlando della Peste, ma solo di un’influenza più forte e aggressiva. Dobbiamo dire alle persone di stare attenti non di chiudere musei, teatri o cinema. Quest’azione scellerata da parte del governo ci costerà molto in termini economici”.

Il campionato rischia di essere falsato per alcune decisioni prese dalla Lega di Serie A?

“Assolutamente sì. Basterebbe mandare la gente allo stadio con accessi limitati, neanche optare per le porte chiuse. Tanto le partite si vedono in tv. La presenza dei tifosi in sé non è utile alla partita, bensì all’economia. Di certo le gare di calcio senza pubblico non sono il massimo”.

Chi vede favorita per la vittoria dello scudetto?

“La Juventus, ma siccome è la favorita di Scanzi, e lui porta iella, non lo vincerà. La Lazio può vincerlo sicuramente”.

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Questo sgradevole elemento fino a due giorni fa vomitava su Conte per le eccessive cautele e divieti contro i teatri i musei etc etc. Il tutto lo diceva da seduto ignudo sulla tazza del cesso

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Dei suoi pareri ne faccio volentieri a meno. Ora poi, parla anche di Virus….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Ma era proprio necessario sentire il parere di questo pagliaccio che vive da decenni sulle spalle della collettività?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Speriamo che te pia così te se levamo dar cxxxo

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Esclusive