Resta in contatto

Approfondimenti

Le Cardopagelle di Lazio – Cremonese: electric Patric, tris di cross per Jony

#iorestoacasa, Patric: "Forza tutti, insieme ne usciremo"

Lazio – Cremonese 4-0, i biancocelesti conquistano l’accesso ai quarti di Coppa Italia: vediamo i voti e i giudizi della sfida dell’Olimpico

Le mie pagelle per Lazio – Cremonese.

Proto 6.5

Pomeriggio sereno a gestire il pallone con i piedi, però mezzo voto in più per una bella parata nella ripresa: protegge bene il suo palo su tiro forte da sinistra.

Bastos 7

Parte svogliato, fa progressi con il passare dei minuti. Tra i migliori nella ripresa: si procura il rigore del 3-0 e segna con un bel colpo di testa il 4-0.

Luiz Felipe 7

L’ammonizione l’unica macchia di una prestazione perfetta anche da centrale. In forma.

Acerbi 7

Implacabile anche contro Ciofani e Palombi. E nel ruolo di centrale di sinistra si diverte a spingere di più. Un muro invalicabile, comunque. Impegno e concentrazione da top player, sempre.

Patric 7

Primo gol nella Lazio con un tocco da opportunista su una brutta respinta del portiere. Sempre elettrico, si conferma ricambio affidabile sia come vice-Lazzari che da centrale di destra. E sfiora il raddoppio con un bel diagonale nel finale. In palla.

Parolo 7

Va a segno con una incursione in area delle sue. Preciso in entrambe le fasi e in entrambi i ruoli, mezzala e poi regista.

Cataldi 6.5

Regia semplice contro avversari non all’altezza. Bravo anche nei raddoppi difensivi e e nelle letture. Esce toccandosi il polpaccio malandato, non un buon segno: è in dubbio per la Samp.

Berisha 6.5

Non fa nulla di decisivo, però segnali positivi: intanto gioca e corre per 90 minuti, il che dimostra – incrociamo le dita – che fisicamente è recuperato. Poi dimostra buona tecnica sul breve – tocchi rapidi e puntuali – e nei lanci lunghi, con tre cambi di gioco efficaci. Sicuramente più inserito negli schemi e nel gruppo.

Jony 6.5

Il voto è per i tre cross da cui nascono entrambi i gol del primo tempo e poi quello di Bastos nel finale. Sempre pericolose le sue traiettorie, ha un sinistro diabolico quando deve servire i compagni. Male invece al tiro.

Adekanye 6.5

Voto di incoraggiamento per il giovane attaccante, in continuo movimento e pronto a dialogare con Immobile. Qualche guizzo interessante e un gol annullato per fuorigioco. Pericoloso in contropiede con la sua velocità, si può insistere.

Immobile 7

Non si risparmia neanche contro una squadra di Serie B. Corre, pressa, cerca l’intesa con Adekanye. E segna su rigore il gol numero 26 (23 con la Lazio, 3 con la Nazionale) della sua strepitosa stagione. Esce sano, sollievo grande.

André Anderson, Djavan Anderson, Minala 6

Test poco attendibile per i tre subentrati: di sicuro impegno e attenzione non sono mancati, segno che tutti seguono Inzaghi e si dimostrano pronti.

Inzaghi 7

Anche quelli che giocano poco rispondono in modo adeguato: è la prova dell’ottimo lavoro del tecnico, sotto ogni punto di vista, in particolare tattico e psicologico. La squadra ha una grande consapevolezza nei propri mezzi e non sottovaluta più alcun avversario. Una bella soddisfazione per Simone, che ora può rituffarsi con entusiasmo sul campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Approfondimenti