Resta in contatto

News

Lazio, Leiva: “Qui sto benissimo! Gremio? Forse in futuro”

Lazio, persiste il problema al ginocchio di Leiva: intervento probabile

Il centrocampista biancoceleste ha rilasciato un’intervista ai media brasiliani, in cui parla della sua avventura alla Lazio e dei suoi piani futuri

È un pilastro assoluto della Lazio, il muro insostituibile del centrocampo biancoceleste. Domani Lucas Leiva guiderà la regia a Cagliari, con un occhio a non trasformare la diffida in squalifica e rispondere così presente alla Supercoppa con la Juventus del 22 dicembre.

Il giorno prima della sfida con i bianconeri, sabato 21, il “suo” Liverpool potrebbe disputare la finale del Mondiale per Club. E i pronostici portano a pensare che il duello – a meno di clamororse sorprese – sarà contro i brasiliani del Flamengo. Proprio per parlare di questa possibile sfida, Uol.com.br ha contattato il mediano brasiliano e vecchia bandiera dei Reds.

Nel corso dell’intervista, consultabile qui, Leiva ha risposto anche a due domande sul proprio futuro. E che vi riportiamo tradotte qui di seguito:

“Penso solamente al presente. Mi trovo bene a Roma, in un club che ha vinto tanto. Sono passati due anni, abbiamo conquistato due trofei, in campionato siamo in un’ottima posizione e il 22 ci giocheremo la Supercoppa con la Juve. Insomma, sto vivendo un periodo molto positivo sia nella Lazio che in Italia.

Il mio contratto scade nel 2022 e la mia intenzione è rispettarlo fino in fondo. Poi nel calcio tutti sanno che può cambiare ogni cosa in qualsiasi momento, per questo preferisco concentrarmi sul presente”.

Sulla possibilità di chiudere la carriera nel Gremio, la squadra che l’ha lanciato e di cui è tifoso:

“Sì, mi piacerebbe. Al Gremio ho vissuto tanti momenti stupendi, amo i tifosi, la città, ci penso certamente. Ma non dipenderà solamente da me né dal Gremio, ma da una serie di fattori. Ripeto, non penso troppo al futuro, ma chissà che in futuro non possa giocare di nuovo lì”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Non sarebbe durato un solo giorno con questa Società. Lui,uomo onesto e vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News