Resta in contatto

News

Parolo: “Abbiamo sofferto solo nel finale. Dobbiamo crederci fino all’ultimo”

Lazio, Marco Parolo

Marco Parolo, capitano questa sera per l’occasione, ha parlato ai microfoni di Sky della vittoria della Lazio contro il Cluj

Parolo ha analizzato ai microfoni di Sky la vittoria contro il Cluj.

“Mi fa piacere vedere Cassano in studio, vorrei chiederli di Luis Alberto, ho visto solo Antonio fare determinati passaggi. L’ex Inter risponde: “Mi piace tantissimo”. Vittoria importante, dobbiamo vincere per alimentare una speranza. Sono contento pure per i nuovi. Queste gare servono anche a loro. Abbiamo faticato solo un po’ nel finale, normale visto che molti in campo non hanno i novanta minuti. Dispiace non aver trovato il 2 a 0. Correa sarà l’ago della bilancia per la qualificazione, Ciro è una garanzia”.

Successivamente il centrocampista biancoceleste è intervenuto anche sui canali ufficiali di Lazio Style per commentare la prestazione.

“Il nostro obiettivo era vincere, per dare continuità ai risultati in campionato. Oggi è stata un’occasione per mettersi in mostra. Abbiamo iniziato bene, alla fine un po’ di stanchezza. Novanta minuti sulle gambe li avevano in pochi. Qualche situazione in ripartenza avremmo dovuta sfruttarla. Continuiamo a lavorare sereni e andiamo avanti. Adesso ci aspetterà l’ultima partita, dovremo vincere. Se poi di là faranno pareggio, non sarà quello a farci perdere la qualificazione. L’abbiamo persa con il Celtic. Fare 0 punti con il Celtic dove abbiamo dimostrato di non essere inferiori, fa male. La prima può capitare, contro il Cluj dovevamo crescere. Ora anche contro l’Udinese vogliamo continuare su questo percorso. L’Udinese assomiglia al Cluj, molto fisici. Dovremo fare una partita ordinata con cattiveria e voglia di vincere. Sono felice della vittoria di oggi, chi gioca meno dimostra di tenere alla squadra. Complimenti a tutti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News