Resta in contatto

News

Lazio, l’opinione di Insegno: “Lotito, è il momento di rischiare di più”

Rennes - Lazio, Stephan: "Siamo professionisti e ogni partita è importante"

Il popolare attore e doppiatore di fede biancoceleste analizza il momento della Lazio e dice la sua sulle ambizioni della società.

La sosta per le nazionali è il momento giusto per fare il punto della situazione in casa Lazio. Ai microfoni di Calciomercato.it, ci ha pensato un tifoso doc come Pino Insegno. Il popolare attore e doppiatore di fede biancoceleste ha espresso diversi punti di vista originali sul momento della squadra di Simone Inzaghi.

Queste le sue dichiarazioni sul momento attuale, sul tecnico e sulle ambizioni della società.

“Ricambi non all’altezza, nel gruppo sembrano mancare le motivazioni”

“Finora questo campionato non è stato altro che il proseguimento di quello scorso. Inzaghi sta provando a dare motivazioni a un gruppo che spesso sembra non averne. Si continua a vivere sui giocatori che la società ha scoperto, sperando sempre che i nuovi facciano l’evoluzione dei vari Luis Alberto e Milinkovic. I ricambi non sono all’altezza dei titolari. Io il turnover non lo farei, ormai bisogna affidarsi ai soliti 13, massimo 14 elementi”.

“Inzaghi non è più un calciatore in panchina”

“Queste cose succedono in una squadra, ma bisogna lavare i panni in famiglia e non farle uscire fuori. Inzaghi in quel caso è stato duro quanto basta. Ora sta diventando un allenatore, mentre prima era un calciatore in panchina, si sta trasformando da baco da seta in farfalla. Simone prende le decisioni da tecnico e non più da collega dei giocatori”.

“Simone ha fatto bene a rimanere”

“Io sono convinto in generale che un allenatore debba diventare un po’ come Ferguson. Quando un tecnico conosce la piazza, la sa gestire, è meglio che resti, ovviamente se fino a quel momento ha lavorato bene. È come quando cambia un Governo, bisogna ricominciare tutto da capo. Peraltro credo che a Inzaghi abbiano fatto delle promesse importanti”.

“Champions possibile, ma…”

“Una domenica è favorita, quella successiva no. Questo è un po’ il punto della questione. Quando vedo la Lazio è come se stessi seguendo un film giallo: può essere vero tutto e il contrario di tutto. Secondo me può arrivare in Champions League, ma bisogna avere la convinzione di essere una grande squadra, dare continuità alle vittorie in modo da crearsi un’identità”.

“Lotito, bisogna rischiare di più”

“Le ambizioni di Lotito sono quelle di mantenere i conti in equilibrio, cosa comunque invidiabile. Se però non fai un passo leggermente più lungo, nella tua vita non migliori. La Lazio non rischia mai sotto il profilo economico, invece è arrivato il momento, in modo da fare il salto di qualità che tutti i tifosi si aspettano. Sotto questo aspetto in effetti il presidente è poco ambizioso”.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

IL MOMENTO DI FARE IL SALTO DI QUALITÀ… CI DELUDETE.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si, deve comprare qualcun altro x la Salernitana…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Aspetta e spera ??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

A parlare Lotirchio non spende niente !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma che volemo rischia con lotito non si va da nessuna parte. E romanista

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Penso che quando il figlio stava alla Lazio,ste cose non le sentivo.Tutti uguali…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Dopo 15 anni ancora famo finta de nun conoscelo bene er sor lotito?!?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si..per andare in serie B..ma vai…vai..

Enrico Ciaffaroni
Enrico Ciaffaroni
1 anno fa

O
Ogni campionato è sempre la solita storia tutti dai tifosi ai media gli dicono che è il momento di fare il salto di qualità ma lui se ne frega non vuole o lui e tare non ci capiscono niente

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News