Resta in contatto

Approfondimenti

“I quasi laziali” di Lazio – Genoa: mettetevi comodi…

L’elenco dei quasi laziali di Lazio – Genoa è lunghissimo. Mettetevi comodi e scoprite chi tra i rossoblù poteva avere l’aquila sul petto.

Se avevate programmi per la prossima ora, rimandateli. Più o meno è quello il tempo che vi ci vorrà per ripercorrere tutte le trattative (o presunte tali) naufragate negli anni per i giocatori, oggi nel Genoa, che avrebbero potuto vestirsi di biancoceleste. La lista dei quasi laziali oggi è davvero lunghissima: mettetevi comodi.

Tra i pali e in difesa

A cominciare dalla porta, ce ne è almeno uno in ogni reparto. Ionut Radu, giovane estremo difensore scuola Inter, piace molto a Tare. Ufficialmente non c’è mai stata nemmeno una richiesta di informazioni. Tuttavia, vista la frequenza con cui si intavolano trattative sull’asse Roma-Genova, chissà che per il futuro qualcosa non bolla già in pentola.

Andando più sul concreto, tra i difensori c’è Davide Biraschi nel recente passato avvicinato alla Lazio. A gennaio scorso i primi ammiccamenti, con valutazione fatta dalla società di Preziosi intorno ai 10 milioni di euro. Si parlò anche di un possibile inserimento di Cataldi. Poi i capitolini decisero di non affondare il colpo. Questa estate, nuovo accostamento, ma un po’ l’arrivo di Vavro e un po’ la volontà del calciatore (a Sky dichiarò: “Con la Lazio non c’è niente, sono qui e penso solo al Genoa. Sono innamorato della città, dei tifosi e della società“), troncarono tutto.

Ben 3 quasi laziali sulla fascia e in mediana

Sempre a gennaio, dalle parti di Formello, con Marusic infortunato e Lukaku in scarse condizioni fisiche (e che, peraltro, sembrava prossimo a trasferirsi al Newcastle), urgevano esterni. L’operazione Romulo, sempre col Genoa, risolse parecchi problemi, eppure tra i candidati c’era un altro profilo, arrivato in Liguria questa estate: Antonio Barreca. Allora al Monaco, si sarebbe potuto trasferire con la formula del prestito con diritto di riscatto, fissato a circa 7 milioni. La stessa usata per l’arrivo del brasiliano, che però aveva un diritto di riscatto (mai esercitato) di 5 milioni inferiore.

E a metà dell’elenco si arriva a centrocampo. Stefano Sturaro ha orbitato intorno alla prima squadra della Capitale in varie sessioni di mercato. Nel 2016, quando l’addio di Onazi lasciò un buco in mezzo al campo, il mediano, al tempo della Juve e nel giro della Nazionale, sembrava il profilo ideale per la sostituzione del nigeriano. Stesso scenario l’anno successivo con l’addio di Biglia. E anche nel 2018, sempre in estate, tornò alla ribalta per il posto da vice Leiva, o comunque da jolly di centrocampo (arrivarono Badelj e Berisha). In tutte le occasioni il suo procuratore non ha mai confermato alcuna trattativa concreta, pur sottolineando il gradimento del giocatore per la piazza romana.

Rimanendo a metà campo, l’acquisto estivo top dei genoani, Lasse Schöne, era stato monitorato da vicino dai biancocelesti diversi anni fa. Le sue doti tecniche pregevoli, tipiche di chi emerge dalle file dell’Ajax, avevano colpito già nel 2015. E i discorsi sembravano anche avviati, facilitati dalla scadenza del contratto che sarebbe intervenuta a breve. A dispetto delle apparenze, non tutti i tasselli, evidentemente, andarono al proprio posto. Alla fine, quell’estate arrivò un giovane serbo dal Genk. Tale Milinkovic-Savic. Il nome del centrocampista danese è successivamente riemerso a più riprese, senza però nessuna concretezza pari a quella iniziale.

Il reparto avanzato

Questo lungo elenco di quasi laziali si conclude con due nomi nel reparto offensivo. Antonio Sanabria e Riccardo Saponara. Quest’ultimo nel 2016, quando militava nell’Empoli, è stato a un passo dalle aquile. Tare si mosse in anticipo in primavera per battere la concorrenza. Ma le tirbolazioni di quel periodo (il cambio Pioli-Inzaghi in panchina e la successiva faccenda Bielsa, su tutte) portarono la dirigenza a stravolgere i piani più volte.

L’accostamento dell’ex Betis Siviglia e Roma invece è molto più recente. Nei mesi scorsi era rientrato nella lista dei possibili rinforzi per l’attacco. A maggio si parlò persino di un contatto con l’agente. Come per altri profili, la permanenza di Caicedo e l’arrivo di Adekanye hanno bloccato ogni altra entrata.

 

Abbiamo finito. Ora potete tornare agli impegni che avevate rimandato. Sempre che siate ancora in tempo. Perchè più tardi c’è da seguire con noi la diretta scritta di Lazio-Genoa. Trovate qui i convocati. E qui le probabili formazioni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Approfondimenti