Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Conferenze stampa degli allenatori, Andreazzoli: “Abbiamo meritato di perdere”

Lazio - Genoa, Aurelio Andreazzoli

Al termine della partita contro il Lazioi Andreazzoli è intervenuto in conferenza stampa. Il mister del Genoa ha commentato: “Meritato di perdere”

Le parole di Andreazzoli al termine della sconfitta subita contro la Lazio, in conferenza stampa.

Come ha visto la partita?
“Ho visto una squadra che meritato nettamente di perdere contro una squadra nettamente più forte, sotto tutti i punti di vista. Sulla gestione, sul carattere, la risolutezza e l’organizzazione. A livello tecnico potevamo fare di più e siamo stati anche sfortunati, con il portiere avversario che ha fatto belle parate. Diventa difficile se non concretizzi quel poco che crei. Non è detto che basti, però intanto bisogna renderlo produttivo. Bisogna crescere, ci siamo smarriti. Dopo Cagliari, dove abbiamo fatto meglio per un’ora, abbiamo perso un po’ di sicurezza. Siamo strutturati per giocare da squadra, non abbiamo alcun giocatore che ti può far vincere da solo”.

Il problema è che subisce troppi gol il Genoa?
“Anche questo è. Qualcosa strutturalmente e individualmente viene a mancare. Le responsabilità non sono dei ragazzi, ma le mie. Giocare con

la Lazio è complicatissimo, anche quando sei sotto nel risultato”.

Cosa è successo alla squadra sul piano del gioco?
“Questa è una domanda che mi pongo anche io. Non abbiamo cambiato niente come modo di lavorare e confrontarci. Cerchiamo di alimentare l’entusiasmo, che rende tutto più facile. Può subentrare un fatto di pressione, con la quale vengono fuori dei limiti”.

Che idea si è fatto del primo gol segnato dalla Lazio? C’era un evidente fallo di Milinkovic su Lerager…
“Onestamente non sembrava fallo. Lerager ha ritardato il passaggio, la soluzione era bella e pronta per liberare Cassata. L’impatto non l’ho rivisto e non lo voglio giudicare, tanto non cambia niente. Quando ci sono dubbi così bisogna fare come ha fatto dopo Pairetto: andare a vedere cosa è successo. A volte viene a mancare il dare sicurezza. Perdiamo tanto tempo, ci vuole un minuto per controllare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News