Resta in contatto

News

Finlandia-Italia, le probabili formazioni. Mancini conferma: ci saranno novità

European qualifiers

Stasera a Tampere torna in campo la Nazionale per le qualificazioni a Euro 2020. Ecco le probabili formazioni di Finlandia e Italia.

Al Tampereen Stadion di Tamepere, alle 20:45 (ora italiana), tornano in campo gli Azzurri contro i padroni di casa della Finlandia. Dopo la vittoria sull’Armenia, l’Italia si gioca la certezza di fatto, in caso di vittoria, di partecipare ai prossimi Campionati Europei del 2020. Ecco le probabili formazioni.

FINLANDIA: (5-3-2): 1 Hradrecky; 3 Granlund, 2 Arajuuri, 4 Toivio, 5 Vaisanen, 16 Pirinen; 8 Lod, 6 Kamara, 14 Sparv; 10 Pukki, 21 Hamalainen.
All.: Kanerva

ITALIA: (4-3-3): 21 Donnarumma; 23 Izzo, 19 Bonucci, 13 A.Romagnoli, 4 Emerson Palmieri; 7 Lo.Pellegrini, 8 Jorginho, 12 Sensi; 10 Bernardeschi, 9 Belotti, 22 El Shaarawy.
All.: Mancini.

Rispetto al match di tre giorni fa, il ct italiano sembra orientato ad effettuare qualche cambio negli undici titolari. Lo ha confermato ai microfoni di Rai Sport:

Penso che quattro-cinque cambi rispetto all’Armenia ci saranno“.

Praticamente certo l’inserimento di Lorenzo Pellegrini, con Sensi che giocherà al posto dello squalificato Verratti. In difesa Acerbi potrebbe soffiare il posto a Romagnoli. E anche Izzo potrebbe trovare spazio. Sul loro impiego il mister ha detto:

Tutto può essere. Ho a disposizione 22 giocatori

Anche in attacco non è sicuro l’impiego di Belotti dal 1′. Il gallo potrebbe lasciar spazio al laziale Ciro Immobile o, come avvenuto nel finale a Yerevan, a Kevin Lasagna. Sempre tra gli attaccanti, Chiesa dovrebbe lasciare il posto a El Shaarawy.

In attacco potrei lasciare gli stessi o fare due cambi. Dobbiamo valutare bene le condizioni fisiche di tutti. Abbiamo fatto due trasferte molto lunghe”.

 

Leggi anche:

3 domande a Giovanni Bartocci (Lazio Club NY). “Mio nonno mi tramandò la passione”

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Vederlo giocare segnare e Gioie ,per lu e per la Lazio"
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News