Resta in contatto

News

Mazzoleni: “Ricordo con affetto l’esordio in Serie A con la Lazio”

Questa mattina a Radiosei 98.1 è stato intervistato l’ex arbitro di serie A Paolo Silvio Mazzoleni. Ecco cosa ha raccontanto della sua carriera.

A Radiosei questa mattina è intervenuto l’ex arbitro Paolo Silvio Mazzoleni per presentare il suo libro “La mia regola 18“. Il fischietto della sezione di Bergamo ha cessato a maggio, per raggiunti limiti d’età, la sua attività di arbitro di Serie A. In radio ha ricordato alcuni passaggi della carriera.

“Con questo libro non ho la presunzione di inventare un’altra regola. Vorrei solo far capire che dietro a un arbitro c’è un uomo normale, con i suoi momenti negativi e positivi. Fuori dal campo ho scelto di seguire l’attività di mio padre: il restauratore. Da giovane frequentavo la scuola per arbitri e poi lavoravo nella bottega di famiglia”.

Quest’anno Mazzoleni ha diretto la Lazio nel derby di ritorno contro la Roma, a San Siro contro l’Inter e, sempre al Meazza, nella semifinale di ritorno in Coppa Italia con i Milan. Tre successi su tre, tutti in grandi occasioni. A questi, si aggiunge, tra i molti incroci delle annate precedenti, un’altra storica vittoria. Quella contro la Juventus a Torino il 18 settembre 2017.

Quel match fu deciso all’ultimo istante da un rigore concesso grazie al Var e poi parato da Strakosha. Patric aveva steso Bernardeschi, ma l’episodio era sfuggito al giudice di gara. L’ex arbitro ne parla così:

“Voglio sottolineare innanzitutto l’importanza della Var. L’avrei voluta già quando iniziai ad arbitrare. È un aiuto che solleva da qualcosa che  in Italia non siamo disposti ad accettare: l’errore. Io in quell’episodio mi ero perso il fallo in diretta.

In generale, con alcuni giocatori si ha un certo feeling particolare. Questo però non va ad inficiare la professionalità dell’arbitro. Bernardeschi, per esempio, è stato sempre un giocatore collaborativo. Non gli ho mai chiesto cosa dovessi fare, ma da parte sua, mi disse una volta, non avrebbe mai fatto nulla per mettermi in difficoltà. In campo mi fece consegnare una sua maglia per manifestare la sua stima. In cambio ne prese una mia. Un episodio che mi ha fatto piacere, ma è capitato anche con altri giocatori di altre squadre”.

L’esordio in A Mazzoleni lo fece all’Olimpico, il 18 settembre 2005. Si giocava Lazio-Treviso. Questo il suo ricordo:

“Ricordo tutte le mie prime partite e con particolare affetto ed emozione l’esordio in Serie A a Roma. Feci il servizio militare nel 1993 a Orvieto e alle volte eravamo chiamati a fare servizio a Roma. Quando passavo dall’Olimpico mi veniva voglia di chiudere gli occhi e pensare di entrare con i miei tacchetti dentro a quel prato. Iniziare e finire lì è stato molto bello”.

Il 26 maggio scorso, la sua ultima partita è stata Roma-Parma.

 

Leggi anche:

Rassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani sportivi (Foto)

 

Voci da Firenze: la Lazio pensa a Simeone

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Cituaa!

trackback

[…] Mazzoleni: “Ricordo con affetto l’esordio in Serie A a Roma” […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News