Resta in contatto

News

Atalanta-Lazio, Acerbi: “Sfogo di felicità. C’è troppo pessimismo attorno alla squadra”

Lazio, Francesco Acerbi

Atalanta-Lazio, ai microfoni di Lazio Style Radio è intervenuto Francesco Acerbi: “Vittoria più bella dopo un anno di alti e bassi”

Il leone Francesco Acerbi, al termine di Atalanta-Lazio, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio:

Coppa meritata, dopo un anno di alti bassi vittoria più bella. Vedere la gente felice, lo staff i volti dei compagni, è stato uno sfogo di felicità per l’annata. Rischiavamo anche l’Europa League. Non vincere oggi avrebbe complicato le cose, non sarebbe stato facile giocare a Torino che è in piena corsa.

Non è facile, ogni tanto qua c’è troppo pessimismo. La squadra non deve essere fischiata nei 90 minuti, ma al termine della partita. Il pessimismo deve venire dopo, non prima della gara. Voglio spezzare una lancia a favore di Wallace, che è sempre concentrato, sta sempre sul pezzo.

L’importanza della partita la conoscevamo, abbiamo fatto una partita cattiva ignorante e abbiamo raggiunto una vittoria meritata. I fischi vanno accettati. Ti fischiano, ti elogiano. Io non ho questi problemi. Svolgo il tutto con grande impegno e passione, se dai tutto stai a posto con la coscienza. Fischiare o meno fa parte della gente. Io dico solo di aspettare i risultati prima di fischiare, perché il tifo, se incita fino alla fine, può darsi che qualcosa in più per ribaltare il risultato ce lo dia. La vittoria è anche per loro.

Sono arrivato qua con la consapevolezza di fare bene. Tutti mi hanno messo a mio agio. Ho colto al meglio questa occasione, ora finiamo bene il campionato. Ora vacanze, io sono un tipo casalingo, vado tutte le estati a Milano Marittima, mi rilasso sto da solo, ho bisogno di staccare. Due, tre settimane poi si ricomincia con il lavoro“.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News