Resta in contatto

Oltre la Lazio

Roma, il rammarico di De Rossi nella conferenza d’addio

Roma, De Rossi

Roma, si è svolta oggi la conferenza stampa d’addio di Daniele De Rossi, che con un po’ di rammarico annuncia”avrei voluto vincere qualche coppa in più”

È tempo di cambiamenti in casa Roma, l’addio di Daniele De Rossi lascerà un vuoto incolmabile tra i tifosi giallorossi.

Nella conferenza d’addio che si è svolta oggi, il giocatore ha dichiarato cosa avrebbe cambiato della sua carriera nella Roma: “Farei scelte diverse riguardo alcuni episodi di campo, ma per quello che riguarda la decisione di rimanere per sempre fedele a questa squadra non cambierei una virgola. Se avessi la bacchetta magica metterei qualche coppa nella mia bacheca, ma non si può”.

Questo è il più grande rimpianto di De Rossi da quando veste la maglia della Roma, ha continuato inoltre ringraziando coloro che lui chiama “nemici”: “Continuo ad amare tantissimo la mia squadra così come i miei avversari. L’astio che ho sentito nei derby, a Napoli, a Bergamo, a Reggio Calabria, mi ha fatto sentire vivo. Il calcio è anche ignoranza, è stato bello avere dei nemici che si sono identificati in me”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Oltre la Lazio