Resta in contatto

Lotito sullo stadio della Roma: “Esempio di come scoraggiare l’iniziativa privata”

News

Lotito sullo stadio della Roma: “Esempio di come scoraggiare l’iniziativa privata”

Claudio Lotito interviene alla Relazione annuale sulla Pubblica amministrazione: il presidente della Lazio tocca anche il tema dello stadio della Roma

Claudio Lotito è stato ospite della Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in occasione della “Relazione annuale sulla Pubblica amministrazione”.

Nel suo intervento, il presidente della Lazio – riporta RadioRadio.it – si è concentrato soprattutto su un tema: le conseguenze provocate dall’incertezza delle norme giuridiche in Italia sugli investimenti degli imprenditori.

“L’imprenditore deve avere dei tempi certi”

Questi i passaggi fondamentali toccati da Lotito, che porta come esempio l’iter relativo allo stadio della Roma:

L’imprenditore deve avere dei tempi certi, la famosa certezza del diritto, e non quello che è successo fino a oggi, con norme che dicono tutto e il contrario di tutto e devono essere interpretate. Mi sovviene alla memoria il detto ‘la legge per gli amici si interpreta per i nemici si applica e oltre ad avere ragione devi trovare chi te la dà’“.

Questo non è possibile perché poi alla fine scoraggi le iniziative, crei responsabilità nei confronti della classe che è preposta ad assumere determinati provvedimenti, che soprattutto chi è meno coraggioso blocca, perché non vuole assumersi eventuali responsabilità. Un tipico esempio è quello che sta succedendo con lo stadio della Roma“.

Quell’intervento della magistratura è nato perché non c’è stato preventivo assenso. Ritengo che chi ha agito lo abbia fatto in buona fede, il problema è la mancanza preventiva degli atti, serve un assenso che non è politico, ma tecnico, giuridico, amministrativo e contabile. Chi fa impresa deve avere certezze“.

“Quando sono arrivato alla Lazio…”

Il vero problema è che questo Paese produce debiti e nessuno lo dice. Quando sono entrato alla Lazio, la fotografia era di 84 milioni di ricavi, 86,5 di perdite e 500 milioni di debiti. Io la considerai una sfida al limite. La prima cosa di cui mi sono preoccupato è stata quella di bloccare le perdite“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News