Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Lazio Hockey, femminile e maschile a braccetto verso il sogno promozione

Lazio Hockey Prato maschile

La Lazio Hockey sogna in grande: la squadra femminile punta la promozione in A1, quella maschile in A2 – di Giorgio Bicocchi

C’è una sezione della Lazio che sogna la doppia promozione. Già perché nel suo scrigno dell’Acquacetosa, la Lazio Hockey scalpita al pensiero che le ragazze possano timbrare l’accesso alla A1 e che la formazione maschile – dopo tre anni di oblio – possa finalmente salire in A2.

La storia della sezione Hockey

Sarebbe davvero un finale di stagione col botto per una delle sezioni più fidate del consesso biancoceleste. Nata nel ’79 sulle ceneri della squadra dei Vigili Urbani (presidente di quel gruppo sportivo era Francesco Andreotti, il fratello del senatore a vita, capo dei “pizzardoni” capitolini), quattro Coppe Italia e uno scudetto in bacheca, vinto nel 2005 al termine di un accesissimo doppio derby contro la Roma.

Il gruppo straordinario della femminile

Una sezione che, da un lustro, lavora sui giovani. Facendoli crescere, affinandone il repertorio, scaraventandoli poi in prima squadra. Ed ecco i frutti: le ragazze, galvanizzate dal trionfo nel derby di A2 contro la Capitolina, hanno abbinato, a un gruppo di giovanissime cresciute nelle “minori” biancocelesti, una nidiata di bravissime argentine che hanno portato in squadra classe e temperamento. E così, gradualmente, il sogno di accedere alle finali nazionali e di tornare possibilmente in A1 è lievitato.

Il nucleo storico della maschile

Maggiori certezze, a oggi, per la formazione maschile allenata da Luca Angius, ex Totem della mitica Amsicora Cagliari, ex azzurro, che guida dalla panchina la Lazio (ritratta nella foto) ma non solo, scendendo in campo, spesso, pure dal primo minuto, coach e giocatore al tempo stesso. Assieme a lui, un gruppo di ragazzi che porta la Lazio nel cuore, avendo svolto tutta la trafila nelle “minori”.

Il portiere Anserini – già convocato la scorsa estate dalla Nazionale azzurra – il capitano Garbini, Braca, i gemelli Brocco, il bomber Crema, Natili, Lanting. A loro si aggiungono i più esperti: l’egiziano Gamal, una vita con la Lazio, Gonzalez e Corradetti, già campioni d’Italia nel 2005 e sempre sul pezzo.

Anche le giovanili fanno sognare

Sogna il doppio prodigio la Lazio Hockey: con la formazione allenata da Tommy Livoli (anche lui Campione d’Italia 14 anni fa) che, in campo femminile, potrebbe ragionevolmente diventare l’autentica mina vagante dei play-off per la A1, e con la squadra maschile che domina incontrastata la serie B, pronta ad acciuffare il meritato ritorno in A2.

Mica è finita: le Under 18 – maschile e femminile – si sono già qualificate per le rispettive finali-scudetto. Ennesimo esempio di un vivaio che non conosce crisi di vocazioni, ed una dirigenza – capeggiata dal Presidente Roberto Brocco – che pianifica e non sbaglia un colpo.

Lazio Hockey, ovvero una delle sezioni che impreziosiscono il forziere di successi e di speranze della Lazio Generale. Con squadre così compatte e ricche di talento, difficile prevedere annate scivolose.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Storie di Polisportiva