Resta in contatto

News

Lazio, ricorso accolto: ridotta la squalifica di Radu in Coppa Italia

Radu e Lulic bandiere della Lazio: nessuno più fedele di loro in Serie A

Lazio, il difensore era stato espulso ai quarti con l’Inter

La Lazio può sorridere, il ricorso sulle giornate di squalifica in Coppa Italia per Stefan Radu è stato accolto: la Corte Sportivo d’Appello ha deciso di dimezzare i turni di stop: da quattro diventano due.

Il difensore era stato espulso durante la sfida dei quarti di finale con l’Inter, al termine del secondo tempo supplementare. Dopo aver saltato la semifinale d’andata con il Milan, il romeno non potrà scendere in campo nemmeno nel ritorno del 24 aprile. Ma per i tifosi biancoceleste, che incrociano le dita, si apre quantomeno la possibilità di vedere Radu a disposizione per l’eventuale finale.

Il Giudice Sportivo aveva deciso di infliggere quattro giornate con la seguente motivazione: “Al 17° del secondo tempo supplementare, dopo la concessione del calcio di rigore alla squadra avversaria, contestava veementemente la decisione del direttore di gara, gridando al medesimo una frase irriguardosa e perché, dopo la notifica dell’espulsione, spingeva leggermente l’arbitro ponendogli il proprio braccio sul petto“.

Con le due giornate di stop, la squalifica per Radu viene equiparata di fatto alla medesima sanzione inflitta a Edin Dzeko: l’attaccante della Roma era stato espulso nei quarti con la Fiorentina “per avere protestato contro una decisione arbitrale e, avvicinatosi al direttore di gara con atteggiamento minaccioso, rivolto al medesimo espressioni gravemente ingiuriose“.

 

Leggi anche:

Lazio, Immobile subito in campo a Formello. Bastos si regala un super gol

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News